Home / Comunicati / Voluntary disclosure, autoriciclaggio e whistleblowing al Terzo Salone Antiriciclaggio

Voluntary disclosure, autoriciclaggio e whistleblowing al Terzo Salone Antiriciclaggio

Coniugare l’antiriciclaggio in funzione della voluntary disclosure. Questa è stata la ricetta del successo del Terzo Salone Antiriciclaggio, organizzato dalla società di Lugano SGR CONSULTING SA, lo scorso 18 marzo presso Palazzo Mezzanotte di Milano.

La sala era gremita di professionisti, intermediari e banchieri con le orecchie tese ad ascoltare i massimi esperti in materia, nonché tutte le soluzioni presentate dalle società specializzate in software per l’adeguata verifica, tra cui Paolo Aliberti di Bureau van Dijk, Claudio Giordani di Hawk, Michele Del Monaco  di Cerved, Enrico Ciprian di EM-RISK & SERVIZI, Maria Luisa Cardini di Crif e Diego Alessandro Bagnoli  di Banca ITB.

Dopo le parole di benvenuto, pronunciate dal presidente di SGR CONSULTING, Igor Rucci, l’avvocato Fabrizio Vedana, vicedirettore di Unione Fiduciaria, ha illustrato l’iter operativo, il ruolo e le responsabilità di professionista, banca e fiduciaria nell’ambito dell’assistenza al processo di collaborazione volontaria partendo dalla definizione stessa di riciclaggio per poter agire correttamente con l’adeguata verifica.

A spiegare l’applicazione delle normative antiriciclaggio nella pubblica amministrazione è stato David Gentili, Presidente della Commissione antimafia del Consiglio comunale di Milano dal 2012, che ha raccontato la prassi adottata negli ultimi anni da Palazzo Marino.

Non solo voluntary disclosure: Igor Rucci, presidente di SGR CONsULTING, organizzatrice del convegno, ha introdotto il legame tra l’antiriciclaggio e whistleblowing, un concetto che sta sempre più prendendo piede e consiste nella segnalazione, prevalentemente anonima, da parte dei dipendenti di un’azienda o di una pubblica amministrazione, di anomalie organizzative e/o irregolarità aziendali che danneggiano la società stessa.

Il procuratore della repubblica di Lecco, Angelo Chiappani, si è cimentato in un excursus sull’attività delle Istituzioni nel contrasto al riciclaggio di denaro di provenienza illecita nello scenario attuale  e gli obiettivi futuri e l’evoluzione normativa agganciandosi anche a una  novità importante introdotta dal governo italiano all’inizio dell’anno: l’inserimento del codice penale del nuovo reato di autoriciclaggio. Ad agganciarsi al tema, rispondendo alle domande lasciate in sospeso da Chiappani, è stato il professor Emanuele Fisicaro, Presidente del Centro Studi Antiriciclaggio & Compliance di Roma, che ha messo in luce la differenza tra  favoreggiamento reale e reato di riciclaggio  alla luce della disciplina e il comportamento che dovranno tenere tutti i soggetti obbligati all’adeguata verifica.

Un’occasione di aggiornamento e incontro, quella creata da SGR CONSULTING con il Terzo Salone Antiriciclaggio, ormai diventata appuntamento imperdibile per tutti i responsabili antiriclaggio tra Svizzera e Italia.

ticinofinanza.ch, 24 marzo 2015

 

Potrebbe interessarti anche:

Ubs incrementa gli utili del 79%

Ubs chiude il 2015 con il secondo miglior risultato dal 2008, anno dello scoppio della …