Home / Notizie Finanziarie / Gli Usa accusano la Bns di manipolazione del franco

Gli Usa accusano la Bns di manipolazione del franco

La Svizzera è nella lista nera del Tesoro americano accusata di aver manomesso il corso del franco. Non sarebbe del tutto colpevole

La Bns avrebbe manipolato il franco e per questo la Svizzera rientrerebbe nella lista nera del tesoro americano. Lo scorso ottobre Berna è stata inserita nell’elenco, voluto dall’ex amministrazione Obama, dei Paesi responsabili di aver manomesso il corso della propria divisa insieme a Cina, Giappone, Corea del Nord e Taiwan e Germania.

Tuttavia, secondo il Tesoro statunitense, non tutti gli Stati sospettati possono essere considerati manipolatori in toto perché, secondo il rapporto semestrale, alcuni tra questi non risponderebbero a tutti e tre i parametri di colpevolezza.

I fattori sarebbero: un’eccedenza commerciale con gli stati Uniti di almeno 20 miliardi di dollari, un eccedenza di conti correnti globali che rappresentano oltre il 3% del Pil e acquisti continui sui sul mercato dei cambi corrispondente al 2% del Pil su 12 mesi.

Agli occhi del fisco americano, la Berna risponde a due di questi criteri: l’eccedenza nei conti e l’intervento sulle divise in maniera importante. Tuttavia, l’eccedenza d’esportazione verso gli Usa non è sufficiente per soddisfare il terzo criterio.

Per indebolire il franco, la Banca nazionale acquista divise estere e per questo il Tesoro statunitense ha incitato la Bns a una maggior trasparenza e a pubblicare tutti i dati relativi ai suoi interventi.

 

Potrebbe interessarti anche:

Addio Madame L’Oreal

Addio all'ereditiera che ha guidato per una vita L'Oreal. Era la donna più ricca del mondo

Se ne va la donna più ricca del mondo, la seconda persona più facoltosa della …