Home / Notizie Finanziarie / Nestlé: stagnano le cifre d’affari

Nestlé: stagnano le cifre d’affari

Il colosso alimentare svizzero ha generato 21 miliardi di vendite, ma il cambio e le cessioni hanno inflienzato negativamente gli affari

Nel primo trimestre Nestlé ha generato cifre d’affari per 21 miliardi, rimanendo praticamente stabile nel giro di un anno, in leggero rialzo dello 0,4%. Le vendite si situano nella forchetta bassa delle previsioni degli analisti interpellati dall’AWP. La direzione conferma, in un comunicato, i suoi obiettivi per l’esercizio in corso.

A influenzare negativamente i risultati sono stati i tassi di cambio e le cessioni rispettivamente dello 0,4% e dell’1,5%. La crescita organica si è fissata al 2,3% conformemente alle attese del gruppo per il 2017 e superiore alle aspettative degli analisti sui primi tre mesi. L’anno scorso, nel primo trimestre, la percentuale si attestava al 3,9%.

La progressione organica delle cifre d’affari è stata dello 0,8% nei paesi industrializzati contro l’1,7% dell’anno scorso. Sui mercati emergenti è stata del 4,3%, in calo rispetto al 5,6% del primo trimestre 2016. La crescita interna reale, s’iscrive all’1,3% contro il 3% di dodici mesi fa.

Geograficamente, le Americhe hanno fatto la parte del leone nelle cifre d’affari, con un apporto di 6,2 miliardi, in calo comunque del 3%. La crescita organica è stata quasi nulla, mentre quella interna è scesa dell’1,4%.

Meglio è andata in Europa, Medio Oriente e Africa del Nord, dove le vendite sono progredite dell’1,7%. Il gruppo evidenzia, però, un’erosione delle entrate del 7%  a 4 miliardi. Al contrario, in Asia, Oceania e Africa sub sahariana si è registrata una crescita organica del 4,5%.

Potrebbe interessarti anche:

Ex quadro Ubs condannato per corruzione

Tre anni e mezzo di carcere per un ex banchiere dell'istituto elvetico a Hong Kong

Un tribunale di Hong Kong ha condannato un ex quadro Ubs a tre anni e …