Home / Notizie Finanziarie / Per i ricchi è il momento dell’incertezza

Per i ricchi è il momento dell’incertezza

I ricchi sono ottimisti, nonostante questo sia un periodo di massima incertezza. Per UBS Wealth Management esistono strumenti sicuri su cui investire

L’incertezza è la nuova normalità, almeno per i super facoltosi. Lo dice un’indagine svolta da UBS Wealth Management che ha chiesto a 2842 HNWI di tutto il mondo, gli Uigh Net Worth Individual, tra cui 400 in Svizzera l’opinioni sulle incertezze in ambito politico ed economico.

Il 77% degli elvetici interpellati ritiene che il periodo attuale sia il più imprevedibile nella storia del mondo e questa è la percentuale più bassa tra tutti i mercati in cui è stato condotto il sondaggio. Tuttavia, quasi tre quarti (71%) dichiarano che, al momento di decidere come affrontare quest’incertezza, si sentono ostacolati dall’eccesso di informazioni. Il 70% ammette di lasciarsi distrarre dai propri obiettivi finanziari da rischi di breve termine ed eventi imprevisti.

La maggior parte dei milionari sostiene che oggi le emozioni svolgono un ruolo più importante dei fatti oggettivi nel condizionare l’opinione pubblica. Il 72% ritiene che i governi eletti possano reagire soltanto a pericoli di breve termine. Quasi la metà (41%) pensa che le nuove tecnologie, come l’intelligenza artificiale, possano rendere il mondo più prevedibile, mentre le opinioni sui social media sono chiare: soltanto il 18% crede che contribuiscano a rendere il mondo più prevedibile.

Ciò nonostante, il numero di milionari ottimisti circa il proprio futuro e quello del mondo è decisamente superiore a quello dei pessimisti. Secondo l’UBS Confidence Index, il 56% dei milionari svizzeri è ottimista e fiducioso nel futuro, rispetto ad appena un 9% di pessimisti.

L’élite svizzera è ottimista anche circa l’economia mondiale. Poco più della metà (53%) si è espressa positivamente in merito alle prospettive economiche globali per i 12 mesi successivi, il che rende la Svizzera la seconda nazione più ottimista al mondo.

Tale fiducia deriva in parte dalla convinzione di poter trovare strumenti sicuri in cui investire il proprio patrimonio. Il 78% ritiene che il mercato nazionale sia un’area sicura in cui investire. Il 70% dei milionari svizzeri è però preoccupato per la volatilità del franco svizzero.

UBS Wealth Management raccomanda tre tattiche utili a gestire l’imprevedibilità: concentrarsi sul lungo periodo evidando di reagire agli eventi e alle distrazioni di breve termine; mantenere un portafoglio diversificato  con un’esposizione a un’ampia gamma di strumenti e aree geografiche per eliminare i rischi legati a un’eccessiva esposizione ai mercati finanziari domestici; non sopravvalutare la liquidità come strumento sicuro perché il suo valore diminuisce con l’inflazione e nel lungo periodo.

 

Potrebbe interessarti anche:

Lo stipendio degli impiegati di banca ristagna

Cresce però la soddisfazione reddituale mentre vacilla la politica dei bonus

Il sondaggio svolto tra febbraio e marzo dall’Associazione svizzera impiegati di banca su 4‘805 impiegati …