Home / Notizie Finanziarie / Seconda chance alla voluntary bis

Seconda chance alla voluntary bis

I termini della collaborazione volontaria saranno estesi fino al 30 settembre

Il flop della seconda manche della collaborazione volontaria costringe Roma ad allungare i termini. Attraverso un decreto ministeriale che dovrebbe giungere settimana prossima, sarà possibile aderire alla voluntary bis non solo fino al 30 luglio, come inizialmente previsto, bensì fino al 30 settembre.

Questa estensione è stata valutata alla luce dello scarsissimo appeal che il secondo capitolo della sanatoria ha avuto sui contribuenti con contanti nelle cassette di sicurezza da regolarizzare. Il Mef parla, infatti, di 7’500 adesioni sulle 24’000 attese, dato che conferma che il gettito da 1,6 miliardi di euro resta solo un’illusione.

È, inoltre, possibile che oltre all’estensione delle scadenze giunga una revisione che ammorbidisca la vd prescrivendo alcune annualità. Non solo, si ventila l’ipotesi che all’interno del nuovo piano di stabilità potrebbero essere aboliti i termini: una voluntary sine die che consenta ai contribuenti di redimersi finché non entrerà ufficialmente in vigore lo scambio automatico d’informazioni che non lascerà più alcun scampo ai contribuenti infedeli.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Europa meno attraente per gli investitori cinesi

Secondo EY, nel giro di un anno l'interesse dei cinesi verso società del Vecchio continente si è dimezzato con un calo delle transazion idel 12%

Gli investitori cinesi si sono mostrati meno attivi nelle acquisizioni in Europa. Secondo uno studio …