Home / Notizie Finanziarie / Alta fedeltà

Alta fedeltà

Secondo uno studio dell'Istituto per i servizi finanziari di Zugo i clienti svizzeri sono fedeli, ma insoddisfatti soprattutto delle grandi banche

I clienti delle banche svizzere sono molto fedeli. Secondo un sondaggio svolto dall’Istituto per i servizi finanziari di Zugo IFZ, solo l’1% ha intenzione di trasferire il proprio conto presso un altro istituto. Sarebbe la clientela delle più grandi strutture la più insoddisfatta.

Tuttavia, solo il 2,4% dei clienti dei colossi ne ricercano un altro della stessa portata. All’1% che desidera spostare i propri averi si aggiunge un 5% che ci starebbero seriamente riflettendo.

Secondo l’inchiesta on line, svolta su 2’486 persone, la clientela delle grandi banche è quella che si mostra meno appagata dei servizi proposti. Su una scala da uno a dieci, la loro soddisfazione si stabilizza comunque a 7,21, valore che gli esperti considerano positivo.

Rispetto agli altri istituti, i giganti bancari sono considerati meno trasparenti e meno vantaggiosi in rapporto prezzo-performance. In  generale, però, i clienti delle banche in Svizzera registrano un grado di soddisfazione elevato, pari a 7,79. Raiffeisen è quella che ottiene il maggior punteggio di 8,24.

Relativamente all’utilizzo degli smartphone come metodo di pagamento, lo studio rivela che le app sono utilizzate solo nello 0,2% delle transazioni. Anche se la cifra sembra molto bassa, l’IFZ è dell’idea che sia una performance relativamente buona perché se le operazioni regolate col cellulare progredissero come successo con le carte senza contatto, potrebbero addirittura arrivare a 2,5 – 3 milioni al mese entro il 2020, cioè tra l’1,5% e il 2%.

Potrebbe interessarti anche:

UBS: sempre più scetticismo sul futuro delle criptovalute

Durante la sua analisi settimanale dal titolo "A volte l'apparenza non inganna" lo Chief Investment Officer UBS WM Italy Matteo Ramenghi ha espresso alcune considerazioni riguardo al delicato tema delle criptovalute.

Il manager di UBS Matteo Ramenghi ha iniziato la sua analisi settimanale con alcune considerazioni riguardo …