Home / Notizie Finanziarie / 500 specialisti stranieri in più per il 2018

500 specialisti stranieri in più per il 2018

Il Consiglio federale ha stabilito i nuovi contingenti per i lavoratori provenienti da Stati terzi

L’anno prossimo le imprese svizzere potranno assumere un numero superiore di lavoratori qualificati provenienti da Paesi terzi e di fornitori di prestazioni provenienti dall’UE/AELS. Già alla fine di settembre il Consiglio federale ha preso una decisione di principio in merito all’aumento parziale dei tetti massimi per i contingenti.

In aggiunta a quanto stabilito nell’Accordo sulla libera circolazione delle persone con l’UE/AELS, anche l’anno prossimo l’imprenditoria svizzera potrà avvalersi, in caso di necessità, di manodopera specializzata necessaria da Paesi non membri dell’UE/AELS.

Si tratta di un aumento di 500 unità rispetto a quest’anno, per un totale massimo di 8’000 specialisti, di cui 3’500 con permesso di dimora B e 4500 con permesso di breve durata L) I 500 permessi aggiuntivi confluiranno nella riserva federale, che coprirà, su richiesta, le esigenze supplementari dei Cantoni. Su questi ultimi verranno ripartiti 1250 permessi di dimora (B) e 2000 permessi di breve durata (L). L’attuale chiave di ripartizione si fonda sugli equivalenti a tempo pieno conformemente alla statistica strutturale delle imprese (Statent) e viene aggiornata con i dati più recenti a disposizione.

Nella seduta odierna il Consiglio federale ha pure fissato il tetto massimo dei contingenti per i fornitori di servizi dell’UE/AELS per soggiorni superiori ai 90 giorni o 120 giorni all’anno. Saranno disponibili 3000 permessi di soggiorno di breve durata (L) e 500 permessi di soggiorno (B). Si tratta di 1250 permessi in più rispetto al 2017, ma corrisponde alla medesima quota del 2014

Potrebbe interessarti anche:

Banca cantonale di Friborgo dinnanzi alla giustizia

Il Tribunale federale vuole vederci chiaro su una violazione dell'obbligo di comunicazione sospetta di riciclaggio

Il  Tribunale penale federale deve riprendere in mano la procedura abbandonata lo scorso novembre contro …