Home / Notizie Finanziarie / Piccole banche avvantaggiate dalla nuova LCR

Piccole banche avvantaggiate dalla nuova LCR

Il Consiglio federale ha licenziato una modifica dell’ordinanza sulla liquidità delle banche

Dall’anno venturo, le piccole banche godranno di un alleggerimento sulle quote di liquidità a breve termine, altresì dette Liquidity Coverage Ratio o LCR. Lo ha stabilito in una seduta odierna il Consiglio federale che, invece, ha rinviato l’introduzione della quota di finanziamento Net Stable Funding Ratio, utile a garantire  un finanziamento stabile a lungo termine.

La modifica dell’ordinanza, che dal 2012 disciplina le gestione e il monitoraggio del rischio di liquidità degli istituti, giunge in recepimento ai nuovi dettami del Comitato di Basilea che nel 2014 ha introdotto la LCR al fine di rafforzare la resilienza delle banche in caso di crisi di liquidità a breve termine.

In sostanza, l’aggiornamento della norma attraverso lievi adeguamenti, andrà ad agevolare soprattutto le banche più piccole in ambito di LCR.

Per quanto riguarda la NSFRle disposizioni avrebbero dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2018, ma alla luce dei ritardi nell’introduzione della stessa sui mercati finanziari dell’Unione europea e degli Stati Uniti, il Consiglio federale ha deciso di posticipare l’integrazione di tale quota nell’ordinanza sulla liquidità delle banche e di pronunciarsi nuovamente sull’ulteriore modo di procedere alla fine dell’anno prossimo.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Aumenta la disoccupazione ma non per tutti

Il tasso di disoccupazione generale è cresciuto del 3.1% solo nel mese di novembre

Questa mattina la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) ha comunicato che il tasso di disoccupazione …