Home / Notizie Finanziarie / la Finma non perde di vista le criptovalute

la Finma non perde di vista le criptovalute

Mark Branson, il direttore dell'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari invita alla prudenza

La Finma, l’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari, sta analizzando accuratamente ed è pronta a sanzionare eventuali atti illegali riguardanti il mercato delle criptovalute, una piazza in piena espansione.

A comunicarlo è Mark Branson, il direttore della Finma, che invita a investire con prudenza, soprattutto in questi ultimi giorni dove il bitcoin ha raggiunto delle quote record. “L’innovazione legata alla tecnologia blockchain sta generando progetti seri che avranno successo, altri invece non lo avranno e altri ancora sono potenzialmente fraudolenti”, sostiene Branson in un’intervista pubblicata ieri dal Le Temps.

La Finma, aggiunge il direttore con origini elvetiche, ha già bloccato alcuni progetti sulle nuove cybermonete. “Coloro che cercano di guadagnare denaro rapidamente in modo illegale saranno fermati”, promette Branson.

Anche se non tutti i protagonisti di questo mercato avranno bisogno di una licenza Finma, alcuni andranno monitorati per assicurarsi che dietro non ci sia un giro di riciclaggio di denaro, mentre altri rientreranno nel campo di applicazione delle normative sui fondi d’investimento, sulle banche o sui valori mobiliari.

Per quanto concerne la raccolta di denaro attraverso l’emissione di monete digitali, Branson precisa che osserverà metodicamente quanto sta accadendo approfondendo i casi che saranno considerati più problematici

Potrebbe interessarti anche:

Più di 200 franchi al mese per le scarpe

Secondo l'UST le economie domestiche spendono mediamente 210 franchi al mese per abbigliamento e calzature

Nel 2016 il reddito disponibile medio delle economie domestiche in Svizzera ammontava a 7124 franchi …