Home / Fiere, Congressi ed eventi / Rethinking Economics Lugano

Rethinking Economics Lugano

Tre studenti dell’Università della Svizzera italiana hanno fondato il primo gruppo svizzero di Rethinking Economics

Rethinking Economics nasce come movimento studentesco in Inghilterra nel 2012, a seguito della grande crisi finanziaria globale.

Attribuendo parte delle sue cause allo status quo della disciplina, alcuni studenti di Londra, Cambridge e Manchester hanno dato voce alle sensazioni, spesso frustrazioni, degli studenti di Economia di molte altre università del mondo. La loro mission divenne quella di promuovere interdisciplinarità e pluralismo all’interno delle discipline economiche, combattendo in particolare il dogmatismo caratteristico dell’insegnamento universitario e promuovendo la critica costruttiva della teoria economica, analizzando lacune, contraddizioni, effetti e conseguenze del monopolio di quella mainstream. In questo senso, il movimento studentesco ambisce a sviluppare nuovi modi di pensare l’Economia, superando la fase di stagnazione che l’esercizio dell’insegnamento della stessa sta attraversando.

Oggi, Rethinking Economics è un network internazionale di studenti, accademici e professionisti il cui numero è in continua crescita e il cui appoggio istituzionale è sempre più concreto. Tra i vari partner, la Bank of England è stata uno dei primi ad accogliere le osservazioni e le rivendicazioni degli studenti, condividendo e promuovendo gli obiettivi del movimento.

Rethinking Economics Lugano spera di ottenere lo stesso riscontro in Svizzera. È la prima associazione di “rethinkers” a sorgere nel territorio elvetico – insieme alla sua gemella dell’Università di Ginevra – e si rivolge a tutta la comunità accademica nonché al pubblico interessato esterno all’università. Nata lo scorso Settembre, fu fondata da Leonardo Conte, Federico Costa Zaccarelli e Francesco Pagliero, studenti del Master in Economia e Politiche Internazionali (MEPIN) dell’Università Svizzera italiana. La struttura del percorso di studi, ampio e multidisciplinare, ha permesso loro di affrontare diversi approcci alle teorie economiche, anche non convenzionali. Con questi presupposti, è nata la volontà di comunicare anche in Svizzera la necessità di ripensare l’Economia. Tra gli altri, l’obiettivo dell’associazione è quello di stimolare la creazione di nuovi gruppi di rethinkers nelle altre università svizzere, nonché formare le basi per un network nazionale.

L’associazione prevede attività volte a coinvolgere studenti, professori e professionisti delle discipline economiche, invitati a discutere il cambiamento ed il futuro dell’Economia. È infatti in programma per questo martedì 19 dicembre alle 12:30 in Aula A-22 dell’USI un evento – organizzato in collaborazione con il Master in Economia e Politiche Internazionali (MEPIN) – dal titolo “È necessario ripensare l’Economia?, durante il quale interverranno i Prof. Massimo Filippini (USI), Giovanni Pica (USI) e Andrea Terzi (Franklin University Switzerland). I relatori affronteranno diverse tematiche: dall’economia comportamentale applicata alle politiche energetiche, ai fondamenti della macroeconomia moderna, fino al ruolo della moneta nei modelli macroeconomici.

 

 

Potrebbe interessarti anche:

Lantern Fund Forum e l’era del Fintech

Il Palazzo dei Congressi si appresta ad accogliere, il 21 e 22 novembre, la settima …