Home / Notizie Finanziarie / Il “green” fattura

Il “green” fattura

Oggi le società eco-solidali assicurano un’occupazione stabile a quasi 151.000 lavoratori

Il mercato ambientale, come valore aggiunto, tra il 2008 e il 2016 è cresciuto del 30%.  Secondo i dati diffusi dall’Ufficio federale di statistica (UST), l’economia sostenibile corrisponde oramai a più del 3% del PIL svizzero.

Questo settore raggruppa in particolare tutte le attività per la gestione responsabile delle risorse naturali e quelle per la protezione dall’inquinamento.

I protagonisti che mandano avanti questo business virtuoso sono in particolare le società che si occupano dello smaltimento dei rifiuti (anche se sono in diminuzione), della produzione delle energie rinnovabili e del risanamento energetico di tutte le strutture, ma anche le associazioni che si occupano della tutela delle biodiversità.

Questa, non così nuova, economia è molto interessante anche in termini di occupazione. Infatti, fino a dieci anni fa le società eco-solidali assicuravano un’occupazione stabile a quasi 111.000 persone e oggi sono quasi 151.000 i lavoratori dei vari settori, pari al 3,8% degli impegnati in Svizzera.

Se si considerano anche trasporti pubblici e produzione agricola integrata, che solo in Svizzera vengono raggruppati nella categoria dell’economia verde, il valore aggiunto sale a 30,8 miliardi, la parte di PIL al 4,7% e il numero degli addetti a 211’200, il 5,3% del totale.

Potrebbe interessarti anche:

Spiesshofer abbandona ABB

Il Ceo lascia all'improvviso. Lo sostituirà ad interim l'attuale presidente del Cda, Peter Voser

Abb si ritrova all’improvviso senza amministratore delegato. Ulrich Spiesshofer, infatti,  lascia con effetto immediato il …