Home / Esperti / arte / Artprice: pronto il nuovo indice per gli investitori d’arte

Artprice: pronto il nuovo indice per gli investitori d’arte

Il leader mondiale delle banche dati sulle quotazioni, ha lanciato Artprice100 un benchmark che si appresta a diventare il nuovo punto di riferimento per collezionisti e institori d’arte.

Si chiamerà Artprice100 il nuovo indice di Artprice che mira a diventare nuovo punto di riferimento per un mondo finanziario che è alla continua ricerca di nuove opportunità di investimento in mercati efficienti.

Questo nuovo indice nasce come possibile risposta alle ripetute richieste di maggiore sicurezza, da parte di tutti i private banker che necessitino di uno speciale benchmark, che non richieda conoscenze specialistiche del mercato dell’arte da parte dell’utente.

“Il nuovo indice permette di seguire l’andamento reale del mercato, ignorando gli artisti più volatili (cioè più soggetti all’impatto sui prezzi della moda e della speculazione), focalizzandosi sulle cosiddette blue-chip”, ha commentato Thierry Ehrmann, fondatore e CEO di Artprice, che poi ha aggiunto: “Questo nuovo indice dimostra che l’arte è un investimento finanziario estremamente competitivo nel lungo termine”.

Prendendo in considerazione il panorama artistico mondiale, si può notare come il valore medio delle opere d’arte è salito del 30% negli ultimi 20 anni. Ma secondo gli esperti di Artprice considerando invece solo le opere più sicure l’accrescimento del valore è molto più alto.

Con Artprice100, il mercato dell’arte, universalmente considerato un’alternativa agli investimenti finanziari tradizionali, ha ora un benchmark comparabile ai maggiori indici azionari mondiali come l’S&P 500, il Ftse 100, il Cac 40, il Dax e il Nikkei 225. È composto utilizzando gli stessi principi generali per la costruzione di questi indici. Si concentra sugli artisti fondamentali del mercato dell’arte e tiene conto del loro peso e della loro importanza: si focalizza, infatti, in particolare sui 100 artisti con le migliori performance all’asta nei precedenti cinque anni.

Potrebbe interessarti anche:

Anche i galleristi soggetti alle norme antiriciclaggio

Come stabilisce la V Direttiva europea, i professionisti dell'arte dovranno effettuare l'adeguata verifica per transazioni sopra i diecimila euro

Anche l’arte necessita una severa due diligence. Arriva da Bruxelles la stretta sul mercato dell’arte …