Home / Notizie Finanziarie / Bce teme il protezionismo Usa

Bce teme il protezionismo Usa

Dai verbali della riunione di marzo emerge il timore di un euro troppo forte

La paura più grande che si profila all’orizzonte per la Bce è quella di una guerra commerciale con gli Usa, timore che emerge dai verbali della riunione dello scorso mese.

La crescita dell’economia europea, ormai conclamata, deve accompagnare l’istituto centrale a una riduzione delle iniezioni di liquidità, misura per cui gli investitori dovranno riabituarsi a cavarsela da soli in una normalità che non si assapora, ormai, da oltre dieci anni.

Ora a dare problemi c’è l’euro, il cui cambio negli ultimi mesi ha preso ancora più vigore a causa della tendenza statunitense verso il protezionismo. La forza della moneta unica inquieta i governanti che traducono questo rialzo in incertezza e in un possibile calo dell’inflazione per cui tanto si è faticato negli ultimi anni.

Una guerra commerciale con Wahington potrebbe, quindi,  riportare l’istituto centrale sui suoi passi ovvero a persistere con l’acquisto di asset per non forzare troppo la mano sulle imprese europee e sugli investitori, lasciandoli a secco di liquidi.

Potrebbe interessarti anche:

Efg International: mai smettere di espandersi

Il Ceo Giorgio Pradelli racconta all'AWP le difficoltà dell'acquisizione di Bsi: l'ex sede di Lugano la più grande del gruppo

L’obiettivo di Efg International per l’anno prossimo è quello di crescere. Come? Attraverso nuove acquisizioni. …