Home / Notizie Finanziarie / Siria e dazi spingono la sterlina

Siria e dazi spingono la sterlina

Euro e dollaro non convincono: la moneta britannica come bene rifugio

Il vento di guerra gonfia le vele della moneta britannica che venerdì ha guadagnato l’1,15% sul dollaro e ben l’1% sull’euro,  in un dejà vu che riporta la mente agli anni prima della Brexit. Nei confronti della valuta statunitense manca quel 4% per raggiungere l’1,48 del pre referendum, mentre per raggiungere i livelli della moneta unica manca l’11%.

Dunque, a seguito del referendum, il conio reale non è crollato come da manuale, ma addirittura si eleva a bene rifugio come il franco svizzero. Anche perché la guerra commerciale lanciata dagli Usa non fa che scoraggiare gli investitori nei confronti del biglietto verde e della divisa europea.

A incentivare l’attrattività del pound c’è anche l’atteggiamento della Bank of England che, al contrario dell’Eurotower, pensa di alzare i tassi d’interesse a brevissimo.

Potrebbe interessarti anche:

Efg International: mai smettere di espandersi

Il Ceo Giorgio Pradelli racconta all'AWP le difficoltà dell'acquisizione di Bsi: l'ex sede di Lugano la più grande del gruppo

L’obiettivo di Efg International per l’anno prossimo è quello di crescere. Come? Attraverso nuove acquisizioni. …