Home / Notizie Finanziarie / Ticino: case vacanze grande vettore di Turismo

Ticino: case vacanze grande vettore di Turismo

Lo rivela l'indagine dell'Osservatorio del turismo dell'Usi dal titolo “Accoglienza, modalità di prenotazione e mobilità dei turisti che soggiorno in case e appartamenti di vacanza ticinesi”

Nel 2016, solo in Ticino, ci sono stati 62’000 arrivi e 440’000 pernottamenti. Questi dati, rilevati dall’Osservatorio del turismo dell’USI, che ha pubblicato un’analisi dettagliata, mostra come le abitazioni di  vacanza rappresentano un vettore di turismo rilevante per il nostro cantone. Individuare le aspettative peculiari degli ospiti delle case di vacanza è cruciale per migliorarne l’esperienza, fidelizzarli e dunque accrescerne il mercato grazie al passaparola. L’Osservatorio del turismo dell’USI ha pubblicato oggi la sua seconda indagine in tema, che ha posto l’attenzione sulle attese in termini di accoglienza, sulle pratiche di prenotazione e sulle preferenze rispetto alla mobilità.

L’inchiesta, intitolata “Accoglienza, modalità di prenotazione e mobilità dei turisti che soggiorno in case e appartamenti di vacanza ticinesi”, è stata elaborata dall’O-Tur su mandato e in collaborazione con l’Associazione Case e Appartamenti di Vacanza in Ticino (ACAV Ticino) e fa da complemento a quella del 2017 dedicata a un profilo più generale degli ospiti di case di vacanza.

Lo studio ha interessato in totale 2’365 persone, tra rispondenti diretti e coloro che hanno viaggiato con loro, coprendo così dati relativi a 17’300 pernottamenti. Gli interpellati sono prevalentemente svizzero-tedeschi delle regioni di Nord-ovest (Basilea e Argovia) e Zurigo, hanno per lo più un’età dai 41 ai 60 anni, hanno viaggiato soprattutto in coppia o con i figli e hanno soggiornato in media 7 giorni. Seppur il campione non consenta conclusioni di carattere davvero generale per tutto il Ticino, l’inchiesta offre comunque elementi importanti per comprendere meglio la domanda e dunque spunti di riflessione utili agli operatori.

L’aspetto che i turisti hanno in generale giudicato con più favore è la possibilità di contattare direttamente l’ospitante durante la vacanza, seguita dal ricevere materiali informativi sul territorio; a metà strada i suggerimenti personali sulle attività da svolgere; meno “gettonate” un’eventuale hotline turistica attiva 24 ore su 24 e la fornitura di generi alimentari al proprio arrivo.

Incrociando i dati con le variabili di profilo degli ospiti (età, prima visita / di ritorno, composizione del gruppo di vacanza, mezzo di arrivo), la situazione appare naturalmente più eterogenea: ad esempio, chi alloggia per la prima volta in una casa di vacanza ritiene importante, oltre all’accoglienza all’arrivo, i suggerimenti personali e la fornitura di generi alimentari, valutata positivamente anche da chi raggiunge la destinazione con i mezzi pubblici; le famiglie mostrano apprezzamento per il materiale informativo e anche per un’eventuale hotline turistica; i visitatori più anziani gradiscono maggiormente rispetto ai giovani un approccio che prevede accoglienza, possibilità di contatto durante il soggiorno e presenza dell’ospitante alla partenza.

Se la conoscenza dell’alloggio è maturata online per il 90% dei rispondenti, l’85% di essi ha proceduto poi alla prenotazione contattando direttamente il proprietario o l’agenzia.

Alla luce del peso sempre maggiore che i grandi portali d’intermediazione online rivestono per gli offerenti, in positivo (visibilità) e in negativo (quota significativa sull’introito), lo studio ha indagato se gli ospiti fossero a conoscenza degli oneri che le prenotazioni effettuate attraverso tali portali comportano per proprietari o gestori: è emersa una consapevolezza della questione sostanzialmente bassa (il 59% dei rispondenti non è a conoscenza delle commissioni).

Il 90% degli interpellati ha raggiunto la destinazione con il mezzo privato e la mobilità sul territorio ticinese è risultata elevata. Chi è giunto in auto nel 39% dei casi ha poi impiegato i mezzi pubblici e, più in generale, ha espresso un significativo apprezzamento (47,2%) per l’eventualità di avere a disposizione gratuitamente i mezzi pubblici nell’ambito del Ticino Ticket.

Potrebbe interessarti anche:

Ubs si tuffa sulla Cina

Il gruppo vuole approfittare dell'alleggerimento delle regolamentazioni del Dragone per acquisire la maggioranza delle azioni in una sua joint venture

Ubs sarebbe pronta a diventare la prima banca estera ad approfittare dello snellimento delle regolamentazioni …