Home / Notizie Finanziarie / HSBC punta dritto all’Asia

HSBC punta dritto all’Asia

Il gruppo vuole investire dai 15 a i 17 miliardi in tutto il mondo per crescere, ma la meta preferita resta l'Oriente

Dopo molti anni di lavori di ristrutturazione, ora HSBC vuole investire tra i 15 e i 17 miliardi in tutto il mondo per riavviare la crescita. Lo ha annunciato il nuovi direttore generale, John Flint: “Dopo un periodo di riorganizzazione è tempo per il nostro istituto di guardare avanti attraverso i giusti investimenti, soprattutto nelle nuove tecnologie”.

Il gruppo britannico mira soprattutto all’Asia, in particolare alla gestione patrimoniale e alla sua rete internazionale che identifica come le sue risorse più promettenti.

La banca, con i suoi 23’000 dipendenti a livello globale, vuole rendere le sue attività più performanti negli Usa e aumentare le sue parti di mercato nel Regno Unito nei prestiti immobiliari e alle imprese. Flint ha come obiettivo quello di aumentare le cifre d’affari del 5% nel corso dei prossimi due anni.

Il centro di gravità dell’istituto pende, ormai, verso Oriente dopo che negli ultimi anni la ristrutturazione planetaria ha comportato la cessione di diverse  attività  e un taglio di 50’000 effettivi proprio per concentrarsi in Asia.

Dopo aver pagato fior fiore di ammende per numerosi litigi e misfatti finanziari, il gruppo vuole e deve approfittare della crescita vigorosa a levante. Nel primo trimestre l’utile netto è sceso proprio a ragione dei costi d’investimento che non hanno impedito alla banca di annunciare un programma di acquisto azioni di duemiliardi di dollari.

Potrebbe interessarti anche:

La procura francese chiede 3,7 miliardi a Ubs

Alla multa stellare si aggiunge la richiesta di altri 15 milioni come ammenda a Ubs France e 1,6 miliardi come risarcimento allo Stato francese

Le requisitorie del processo parigino contro Ubs continuano. La procura ha chiesto al Tribunale correzionale …