Home / Esperti / arte / Art Basel: inizia lo show

Art Basel: inizia lo show

Dal 14 al 17 giugno la 49esima edizione surriscalderà le vie di Basilea con performance ed eventi d'eccezione

Per l’omonima città che la ospita, Art Basel non è una fiera, ma LA FIERA d’arte contemporanea per antonomasia cui professionisti e amatori del settore fanno riferimento a livello globale. L’evento non è fine a se stesso, ma è una vera e propria kermesse che coinvolge il centro urbano a 360 gradi, dove la performance si fonde con le strade e i quartieri per entrare nella parte più intima dell’anima dello spettatore che tra i vicoli ci si perde. La quarantanovesima edizione, che apre oggi e si protrarrà fino al 17 giugno,  dovrà ancora una volta stupire collezionisti e imprenditori disposti a mettere mano al portafoglio, anzi al conto in banca, per accaparrarsi le più stravaganti e avveniristiche opere d’arte. Perché oggi, i concetti d’arte e investimento non possono più essere scissi.

La grande macchina di Art Basel si è messa in moto negli anni Sessanta per mano di Trudl Bruckner e Balz Hilt, collezionisti, e i coniugi Ernst e Hildy Beyeler, per affermarsi un vero e proprio marchio con un giro d’affari milionario, esportato agli antipodi del mondo con eventi megalitici a Miami e Hong Kong.

Quest’anno, nella città sul Reno, sotto la leadership del curatore Marc Spiegler,le gallerie ad esporre saranno 290, ovviamente provenienti dalle più svariate latitudini.  Cinque sono le sezioni che caratterizzano la manifestazione: Unlimited, con le sue opere colossali, Statements, dedicata agli artisti in erba, Film, con docufilm  d’artista, Edition, con le stampe d’autore, Magazines, che raccoglie le riviste di arte e design e Parcours,  vero e proprio iter tra le performance sparse per le vie della città .

La forza di Art Basel risiede nel fatto che, attorno ad essa, orbitano innumerevoli altri eventi satellite, alcuni dei quali sono riusciti ad acquisire grande rilevanza, se non autorevolezza nell’ambiente.

Liste è tra le più importanti, una sorta di limbo per gli artisti che vogliono approdare prima o poi ad Art Basel. Quest’anno ospita  79 gallerie, provenienti da ben 32 paesi,  che offrono ai giovani e ai cosiddetti  “mid-carrier”, la possibilità di manifestarsi e al pubblico di assaporare  un panorama il più ampio possibile sulle nuove tendenze.  Liste è nata 23 anni fa per volontà di un gruppo di giovani e ambiziosi galleristi che hanno scelto come location l’ex birrificio Warteck.

Poi c’è SCOPE che, alla sua diciottesima edizione, torna alla Scope House, a un paio di isolati da Art Basel, continuando a farsi promotrice della Street Art e di quei generi artistici più stravaganti e all’avanguardia.

Design Miami, invece, è la portavoce dei nuovi stili in termini, appunto, di design. Oggetti di varie specie sono esposti nella loro più estrema lavorazione ed espressione: tessuti, gioielli, lampade, vetri e ceramiche sono presentati in declinazioni più uniche che rare.

All’ex punto di distribuzione COOP, invece, avrà luogo VOLTA, proprio dove era stata inaugurata la prima edizione nel 2005 . All’evento, quest’anno, partecipano 75 gallerie di cui 25 “solo” e 20 in coppie d’artisti.

Potrebbe interessarti anche:

Sotheby’s batte il Busto della Pace di Canova

E' una delle rare opere dello scultore veneto da lui autografe, mai apparse sul mercato

Sotheby’s offrirà in asta il 4 Luglio, Busto della Pace (Bust of Peace) una delle …