Home / Notizie Finanziarie / Banca Migros: gli utili semestrali lievitano

Banca Migros: gli utili semestrali lievitano

Rialzo semestrale dell'8,2% a 121 milioni di franchi. Mandati di gestione in rialzo del 25,5%

Nei primi sei mesi dell’anno Banca Migros ha perpetrato la sua crescita con un andamento positivo delle attività d’investimento e utili semestrali per 121 milioni di franchi, in aumento del 8,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

I mandati di gestione patrimoniale sono incrementati del 25,5%, dopo un rialzo del 17,9% nell’intero esercizio 2017. Il numero complessivo di clienti con un deposito titoli presso la Banca Migros è salito dell’1,7%. L’entità dei depositi della clientela si è mantenuta pressoché invariata (CHF 12,2 miliardi, ossia –0,5%) nonostante il contesto borsistico negativo.

L’ammontare dei fondi della clientela iscritti a bilancio ha raggiunto 34,1 miliardi (+0,1%). È inoltre continuata la tendenza allo spostamento dei fondi già riscontrata nel corso dell’anno precedente: i conti privati e Premium risultano di nuovo in crescita (+2,3%), mentre il totale delle obbligazioni di cassa è ancora diminuito (–3,9%). I crediti ipotecari hanno mostrato un progresso del 2,4% fino a toccare quota 36,3 miliardi.

 In parallelo con il volume ipotecario, il risultato netto delle operazioni su interessi è cresciuto del 4,0% e si è dunque attestato a 232 milioni. Con un +7,2% anche il risultato delle operazioni in commissione ha subito un rialzo raggiungendo 51 milioni, mentre quello delle operazioni di negoziazione ha segnato un’espansione dell’11,9% per un totale di 16,8 milioni.

Il resto del risultato ordinario è raddoppiato a 14,2 milioni; in questa cifra è incluso anche il reddito da investimenti diretti percepito una tantum per la vendita dell’attività di Acquiring/Terminal della Aduno, la società specializzata in servizi di pagamento nella quale la Banca Migros ha una partecipazione del 7%. Complessivamente si è registrata una crescita dei proventi operativi pari al 7,3%, per una cifra finale di 314 milioni.

I costi d’esercizio hanno subito un aumento del 5,6% per un totale di 145 milioni. Le spese per il personale sono arretrate del 4,8%, mentre quelle per il materiale sono salite del 7,1%. Una parte dell’incremento è stato dovuto all’ampliamento delle attività nel settore degli investimenti. Restano ottimi i dati sul cost/income ratio che permane a livelli bassi chiudendo al 46,2% (46,0% nel 2017).

Al netto di ammortamenti, accantonamenti e perdite, il risultato dell’esercizio si è attestato a 152 milioni di franchi, superando dell’8,1% il valore registrato nello stesso periodo del 2017.

Potrebbe interessarti anche:

La procura francese chiede 3,7 miliardi a Ubs

Alla multa stellare si aggiunge la richiesta di altri 15 milioni come ammenda a Ubs France e 1,6 miliardi come risarcimento allo Stato francese

Le requisitorie del processo parigino contro Ubs continuano. La procura ha chiesto al Tribunale correzionale …