Home / Notizie Finanziarie / Vontobel sulla cresta dell’onda

Vontobel sulla cresta dell’onda

Utile in rialzo del 31%, asset management in grande espansione, così come wealth management. L'acquisizione di Notenstein La Roche sta dando i suoi frutti

Nella prima metà dell’anno Vontobel è riuscita ad attrarre nuovi capitali e ad accrescere gli utili di almeno un terzo. Come scrive l’istituto in una nota, tutte le unità hanno contribuito ai buoni risultati. L’utile netto, infatti,  è accresciuto del 31% a 132,7 milioni, contro i 101,5 del primo semestre di un anno fa.

A fare la parte del leone, però, è stato proprio l’asset management trainato dai prodotti a reddito fisso, con utili ante imposte di 92,5 milioni, contro i 69,5 dell’anno prima. Contemporaneamente anche il wealth management ha segnato una crescita dinamica del 46% con profitti ante imposte pari a 56,2 milioni.

Le buone performance sono state realizzare anche grazie al buon andamento dell’attività domestica, ovvero del mercato svizzero, così come in America Latina e in Italia. Vontobel, nei primi sei mesi dell’anno, ha attirato a se nuovo capitale pari a 5,1 milioni di franchi, in rialzo di 300 milioni rispetto all’anno scorso.

Gli asset della clientela hanno raggiunto, a fine giugno, un nuovo record salendo a 191,2 miliardi di franchi contro i 186,6 di fine 2017.

La banca si felicita, inoltre, che l’integrazione di Notenstein La Roche stia progressivamente portando i suoi frutti come previsto.

Potrebbe interessarti anche:

Ubs si tuffa sulla Cina

Il gruppo vuole approfittare dell'alleggerimento delle regolamentazioni del Dragone per acquisire la maggioranza delle azioni in una sua joint venture

Ubs sarebbe pronta a diventare la prima banca estera ad approfittare dello snellimento delle regolamentazioni …