Home / Notizie Finanziarie / Investimenti sostenibili: svizzeri ancora diffidenti

Investimenti sostenibili: svizzeri ancora diffidenti

Secondo uno studio di Ubs, ad impedire uno sviluppo del settore sono una poca chiarezza in merito e una terminologia complessa e fuorviante

Gli investitori svizzeri restano ancora un po’ diffidenti nei confronti dei prodotti sostenibili, anche se l’interesse per questo settore starebbe aumentando. Secondo uno studio pubblicato da Ubs, ed effettuato su 3’500 investitori su cala globale, i capitalisti svizzeri sono comunque più lanciati degli americani o dei britannici che effettuano gli investimenti sostenibili meno rilevanti.

Paesi come Cina, Brasile, Emirati Arabi Uniti, invece, mostrano una forte predisposizione per questa categoria di prodotti e si piazzano in cima alla classifica.

Ad impedire al 65% degli investitori svizzeri di scegliere il sostenibile sono la mancanza di informazione su questo tema, così come una terminologia poco chiara e fuorviante.“Troppi paroloni nel settore degli investimenti è un problema generale per tutta l’industria e non riguarda solo quelli sostenibili” dichiara all’AWP Daniel Kalt, capo economista di Ubs Svizzera.

Questo genere di strumenti finanziari tiene conto di criteri come l’impatto sociale o ambientale delle imprese e i loro prodotti.

Gran parte dei detentori di capitale svizzeri, ben il 63%, è convinta che questo genere d’investimenti acquisirà importanza nei dieci anni a venire, fino a imporsi come standard e che, nei prossimi cinque anni, la parte di questi prodotti in portfolio dovrebbe duplicare per arrivare a rappresentare il 44%.

Potrebbe interessarti anche:

Vontobel fonde alcune sue attività

Vontobel fonderà la sua boutique multi-asset class in una boutique quantitativa che opererà sotto l’insegna di Vescore

L’asset management di Vontobel è in procinto di fondere la sua boutique multi-asset class in …