Home / Notizie Finanziarie / Postfinance aumenta i costi

Postfinance aumenta i costi

In questo contesto molto difficile l'istituto ha deciso di applicare aumento dei costi sui depositi

PostFinance si dice costretta ad aumentare i costi. Per questo, in un comunicato odierno, specifica di trovarsi attualmente in un difficile contesto economico e regolatorio. Gli interessi, da anni molto bassi o addirittura negativi, determinano un assottigliamento dei margini. Uno dei motivi alla base è la Legge sull’organizzazione della Posta, che vieta a PostFinance la concessione autonoma di crediti e ipoteche. La decisione di principio del Consiglio federale del 5 settembre 2018 per ora non cambia la situazione. Per questa ragione, a partire dal 1o gennaio 2019 PostFinance introdurrà prezzi in linea con il settore per alcuni prodotti e servizi che non consentono più di coprire le spese.

«Il modo più semplice per gestire il denaro, con un buon rapporto qualità-prezzo: questo è PostFinance. E continuerà a esserlo anche in futuro», afferma Hansruedi Köng, CEO di PostFinance. «Sono consapevole del fatto che i nuovi prezzi non verranno accolti con favore dai nostri clienti, e questo è comprensibile. Tuttavia, in considerazione dell’erosione del margine e del sostanziale calo degli utili, non possiamo più permetterci di fornire servizi a prezzi che non coprono in alcun modo i nostri costi. Proponiamo però alternative per consentire ai nostri clienti di evitare in parte le nuove commissioni».

In futuro i clienti privati che possiedono un patrimonio superiore a 7’500 franchi pagheranno una tassa di gestione del conto di 5 franchi al mese, che finora veniva applicata solo ai clienti privati con un patrimonio inferiore a tale importo.

I clienti che detengono un conto privato plus con un patrimonio complessivo di oltre 25’000 franchi pagheranno una tassa mensile di gestione del conto di 5 franchi (finora gratuita).

Gli estratti conto mensili in formato cartaceo avranno un costo di un franco al mese (finora gratuiti).

La richiesta di informazioni sul saldo per telefono e allo sportello (senza PostFinance Card) costerà in futuro 4 franchi a richiesta (finora gratuita).

I clienti commerciali pagheranno 30 franchi all’anno per ciascuna PostFinance Card (finora due carte gratuite).

I clienti privati di PostFinance che detengono prodotti d’investimento (fondi di previdenza compresi) per un importo di almeno 25’000 franchi o che sottoscrivono un’assicurazione sulla vita o un’ipoteca continueranno a beneficiare della gestione del conto gratuita. Anche i clienti che eseguono le operazioni bancarie online potranno risparmiare: per richiedere il saldo con la PostFinance App, in e-finance, al Postomat e con la PostFinance Card allo sportello postale non verrà addebitato nessun costo. Anche l’estratto conto elettronico mensile resterà gratuito.

Inoltre, PostFinance offre ai clienti che eseguono le loro operazioni bancarie online una protezione unica: l’istituto finanziario è infatti la prima e finora unica banca svizzera ad aver inserito nelle condizioni di adesione del suo online banking (e-finance) e dell’accesso rapido (PostFinance App) la disponibilità a farsi completamente carico di eventuali danni finanziari causati da attacchi tecnici come phishing o malware per un importo fino a 100’000 franchi per sinistro. PostFinance garantisce così sicurezza ai clienti e rimuove gli ostacoli che impediscono loro di passare all’online banking.

 

Potrebbe interessarti anche:

Più di 200 franchi al mese per le scarpe

Secondo l'UST le economie domestiche spendono mediamente 210 franchi al mese per abbigliamento e calzature

Nel 2016 il reddito disponibile medio delle economie domestiche in Svizzera ammontava a 7124 franchi …