Home / Notizie Finanziarie / Gli stranieri si integrano subito sul mercato del lavoro svizzero

Gli stranieri si integrano subito sul mercato del lavoro svizzero

Guadagnano più dei nativi svizzeri, ma se ne vanno generalmente entro i primi cinque anni dal loro arrivo

I lavoratori stranieri s’inseriscono in fretta e bene sul mercato svizzero e l’integrazione migliora più il soggiorno di questi nella Confederazione è prolungato. Lo mostra uno studio commissionato dalla Segreteria di Stato dell’economia ai ricercatori dell’Università di Zurigo e San Gallo i quali hanno provato a calcolare il tasso di successo dei forestieri inseritesi nel mercato di lavoro svizzero tra il 2003 e il 2013 rispetto alle persone nate in Svizzera.

Con sorpresa, gli autori dello studio Sandro Favre, Reto Föllmi e Josef Zweimüller hanno constatato che se i nuovi arrivati non eguagliano la partecipazione in media molto elevata degli svizzeri sul mercato del lavoro, le loro entrate sorpassano leggermente quelle degli autoctoni.

Tra gli immigrati, sono gli uomini a trovare velocemente impiego: se l’anno del loro arrivo il loro tasso d’impiego è  inferiore del 16% rispetto agli svizzeri, tre anni più tardi è solo del 3%; in un anno colmano la differenza iniziale di salario e cinque anni dopo il loro arrivo il loro salario mensile è di circa il 2% superiore ai cittadini maschi svizzeri di livello comparabile.

Le più grandi differenze sono state rilevate tra le donne:  l’anno d’arrivo il loro tasso d’impiego è del 27% più basso delle omologhe native e cinque anni più tardi la differenza è ancora del 12%. Tuttavia le straniere guadagnano leggermente di più delle donne elvetiche. A causa di un tasso d’occupazione medio superiore i loro introiti sono già soddisfacenti nel primo anno di permanenza e cinque anni dopo il loro stipendio sorpassa del 21% quello delle donne nate in Svizzera.

Per numerosi stranieri, il soggiorno in Svizzera è solo transitorio. Circa la metà di loro, infatti, lascia il paese nei cinque anni seguenti lo stanziamento.

Potrebbe interessarti anche:

Spiesshofer abbandona ABB

Il Ceo lascia all'improvviso. Lo sostituirà ad interim l'attuale presidente del Cda, Peter Voser

Abb si ritrova all’improvviso senza amministratore delegato. Ulrich Spiesshofer, infatti,  lascia con effetto immediato il …