Home / Notizie Finanziarie / Banca Generali: Raccolta netta 2018 a €5,02 miliardi

Banca Generali: Raccolta netta 2018 a €5,02 miliardi

I flussi di risparmio amministrato sono risultati particolarmente elevati il mese scorso di riflesso alla forte instabilità dei mercati, portando il totale da inizio anno a circa €2,8 miliardi.

Banca Generali ha realizzato nel 2018 una raccolta netta di €5,02 miliardi. Nel solo mese di dicembre la raccolta netta è stata pari a €470 milioni, in crescita rispetto ai mesi precedenti nonostante la forte volatilità dei mercati, mentre la raccolta gestita s’è attestata a €245 milioni.

Nell’ambito del gestito, l’attenzione s’è concentrata sui nuovi comparti della SICAV lussemburghese LUX IM (€107 milioni nel mese, €758 milioni nell’anno) e nelle soluzioni assicurative. Tra queste si conferma elevato l’interesse per BG Stile Libero (€59 milioni nel mese, €1.040 milioni nell’anno) e in crescita quello per le polizze di RAMO I (€81 milioni nel mese, €575 milioni nell’anno) particolarmente apprezzate nei periodi di elevata volatilità dei mercati finanziari come a Dicembre.

I flussi di risparmio amministrato sono risultati particolarmente elevati il mese scorso di riflesso alla forte instabilità dei mercati, portando il totale da inizio anno a circa €2,8 miliardi. All’interno di questa voce sono compresi gli strumenti amministrati per la protezione e diversificazione del portafoglio, come i private certificate e le altre operazioni sul primario promossi dalla Banca (€54 milioni nel mese e €680 milioni nell’anno). Il servizio di consulenza evoluta ha superato a fine anno i €2,34 miliardi di masse.

L’Amministratore Delegato, Gian Maria Mossa, ha commentato: “Un risultato molto solido e soddisfacente in un anno importante ed intenso in cui abbiamo posto le basi per una nuova fase di crescita futura della banca. Abbiamo rivisto e allargato la gamma d’investimento e i servizi per la protezione patrimoniale arricchendo gli strumenti a disposizione dei nostri consulenti e dei clienti. Abbiamo avviato un nuovo percorso nel digital banking e aperto nuove opportunità di business grazie alle operazioni straordinarie. Siamo certi che le scelte fatte ci consentiranno di rafforzare la leadership della banca e proseguire quel percorso di crescita distintiva che ci caratterizza. Guardiamo con grande ottimismo e fiducia al nuovo anno appena iniziato.”

Potrebbe interessarti anche:

Spiesshofer abbandona ABB

Il Ceo lascia all'improvviso. Lo sostituirà ad interim l'attuale presidente del Cda, Peter Voser

Abb si ritrova all’improvviso senza amministratore delegato. Ulrich Spiesshofer, infatti,  lascia con effetto immediato il …