Home / Notizie Finanziarie / Vontobel: un 2018 non male

Vontobel: un 2018 non male

Utili in rialzo grazie all'acquisizione di Notenstein La Roche da Raiffeisen e di un portfolio clienti da Lombard Odier

L’evoluzione di Vontobel nel corso del 2018 è stata decisamente positiva  soprattutto grazie all’acquisizione di Notenstein La Roche da Raiffeisen e di un portfolio clienti da Lombard Odier. Anche la crescita organica ha contribuito a sostenere la performance del gruppo zurighese.

L’utile netto è stato pari a 232,2 milioni di franchi, in rialzo dell’11% su base annua anche se , esclusi i costi d’integrazione, la crescita sarebbe del 14% a 249,2 milioni. L’utile di gestione si è ridotto del 9,2% a 1.16 miliardi di franchi. Il Cda ha proposto di versare un dividendo di 2,10 franchi per azione, in linea col passato.

Le cifre sono un po’ eterogenee: mentre l’utile netto risulta superiore alle previsioni, quello di gestione è inferiore e gli analisti, dal canto loro, si aspettavano in media un dividendo in rialzo a 2,21 franchi.

L’anno scorso la banca ha attirato nuovi afflussi di capitali pari a 5 miliardi di franchi contro i 5,9 miliardi del 2017. La massa in gestione è scesa del 3,5% a 171,1 miliardi. La crescita nella gestione patrimoniale ha superato gli obiettivi interni di Vontobel con un aumento delle entrate nette del 6,1%.

Per il 2019 l’istituto si attende un contesto difficile e preferisce non osare previsioni. Il gruppo, in un comunicato, conferma di essere in grado di raggiungere gli obiettivi prefissatosi per l 2020, ovvero un rapporto costi /ricavi sotto il 72%, in rendimento di fondi propri di oltre il 14%, afflussi netti tra il 4 e il 6% e un ratio fondi propri oltre il 16%.

Potrebbe interessarti anche:

LGT apre succursale a Bangkok

LGT apre una divisione thailandese specializzata in wealth management per la clientela locale. Si chiamerà LGT Securities (Thailand) Limited

LGT annuncia l’apertura delle sue attività di Wealth Management in Thailandia dopo aver ottenuto le …