Home / Notizie Finanziarie / Occupazione: il 2018 chiude ottimista, tranne in Ticino

Occupazione: il 2018 chiude ottimista, tranne in Ticino

Bene tutte le regioni tranne la nostra con un calo dell'1,6%. In generale bene secondario e terziario

Secondo la statistica dell’impiego, nel quarto trimestre 2018 in Svizzera si contavano nel complesso 5,068 milioni di addetti nei settori secondario e terziario, pari a un incremento dell’1,3% (+64 000 posti) su base annua. L’occupazione è salita sia nel settore secondario che nel terziario, rispettivamente dell’1,2% (+13 000 posti) e dell’1,3% (+52 000 posti).

Calcolata al netto delle variazioni stagionali, l’occupazione totale ha segnato un incremento rispetto al trimestre precedente (+0,2%). In particolare, si osserva una flessione dell’occupazione dello 0,1% nel settore secondario e una progressione dello 0,4% nel terziario. Espresso in equivalenti a tempo pieno, il volume di addetti ammonta complessivamente a 3,942 milioni di posti (+1,6% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente) e si è sviluppato positivamente sia nel settore secondario (+14 000 unità, +1,4%) sia nel terziario (+50 000 unità, +1,7%).

Nel settore secondario è proseguita la forte progressione dell’occupazione nel ramo «attività manifatturiere» (+11 000; +1,8%), in particolare nell’industria orologiera (+7000; +6,6%), mentre è risultata più debole nel ramo delle costruzioni (+0,1%). Il settore terziario si è sviluppato diversamente a seconda della sezione economica: l’incremento maggiore è stato riscontrato nei rami «servizi di supporto alle imprese» (+25 000; +3,2%) e «salute e affari sociali» (+21 000; +2,8%). Rispetto al trimestre precedente, il commercio presenta una tendenza negativa (–4000; –0,6%).

Nel complesso, l’andamento dell’occupazione nel quarto trimestre 2018 è stato positivo in tutte le Grandi Regioni (+1,3%): il numero di occupati è salito in tutte le regioni eccetto la Svizzera centrale (–0,3%) e il Ticino (nessuna variazione). Nel settore secondario solo la Grande Regione Ticino ha segnato una flessione (–1,6%), mentre nel terziario la diminuzione degli occupati (–0,8%) è da ascrivere alla Grande Regione Svizzera centrale.

Sulla piazza economica svizzera sono stati contati 12 200 posti liberi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+19,6%). Il numero è salito sia nel settore secondario (32,6%) sia in quello terziario (15,5%). Il tasso complessivo di posti liberi è pari all’1,4%; quello nel settore secondario si è attestato all’1,8% e quello nel terziario all’1,3% del totale.

L’indicatore delle prospettive d’impiego ha segnato un lieve aumento rispetto all’anno precedente (1,04; +0,9%). Nel quarto trimestre 2018 le imprese che intendevano mantenere stabile il proprio organico nel trimestre successivo rappresentavano il 72,1% dell’occupazione totale (contro il 72,3% nello stesso periodo dell’anno precedente). Le imprese che prevedevano di aumentare gli effettivi rappresentavano l’11,3% degli addetti (il 10,7% nello stesso trimestre dell’anno precedente) e quelle che prevedevano di ridurli rappresentavano il 3,7% (il 4,6% nello stesso trimestre dell’anno precedente).

Le difficoltà nel reclutamento di personale qualificato sono aumentate ulteriormente rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (33,4%; +3,3 punti percentuali). Sono ancora marcate le difficoltà nel settore secondario (44,0% rispetto al 37,6% dell’anno precedente), dove spiccano i valori massimi nel ramo della «fabbricazione di macchinari e apparecchiature» (59,3%) e in quello dell’«industria orologiera» (61,0%).

Potrebbe interessarti anche:

Spiesshofer abbandona ABB

Il Ceo lascia all'improvviso. Lo sostituirà ad interim l'attuale presidente del Cda, Peter Voser

Abb si ritrova all’improvviso senza amministratore delegato. Ulrich Spiesshofer, infatti,  lascia con effetto immediato il …