Home / Notizie Finanziarie / REYL lancia REYL Impact Investing Global Equities

REYL lancia REYL Impact Investing Global Equities

Si tratta di un nuovo veicolo di investimento, un gestione attiva (AMC) in azioni internazionali che permette di investire in maniera responsabile e sostenibile

Il Gruppo REYL lancia un nuovo veicolo di investimento, REYL Impact Investing Global Equities, un certificato a gestione attiva (AMC) in azioni internazionali che permette agli investitori di investire in maniera responsabile e sostenibile. Per rispondere al crescente interesse dei clienti, la Banca intende lanciare a breve altri prodotti a impatto, in particolare nel reddito fisso e nel private equity.

L’arrivo nel 2018 di Nicolas Pelletier, responsabile degli investimenti socialmente responsabili presso REYL & Cie, ha permesso alla Banca di introdurre un veicolo d’investimento nuovo e innovativo, incentrato sull’universo degli investimenti socialmente responsabili. Questo nuovo certificato, REYL Impact Investing Global Equities, lanciato l’8 marzo 2019 con liquidità quotidiana, intende contribuire al raggiungimento dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, generando al contempo un rendimento finanziario interessante.

REYL Impact Investing Global Equities investe esclusivamente in società capaci di offrire prodotti o servizi che hanno un impatto positivo e contribuiscono significativamente agli SDG. L’analisi di diversi fattori qualitativi e quantitativi permette di selezionare i titoli più pertinenti, in termini di redditività e sostenibilità. Questo approccio di convinzione si traduce in un portafoglio concentrato, composto da una trentina di nomi e ben diversificato dal punto di vista settoriale.

François Reyl, Direttore generale di REYL & Cie, ha commentato: “La Svizzera costituisce il fulcro di un’importante comunità che promuove l’investimento socialmente responsabile, mentre Ginevra è uno dei poli principali dell’investimento a impatto (impact investing). La città ospita un autentico ecosistema che ruota intorno all’ISR: sede europea delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali specializzate, organizzazioni non governative, fondazioni, attori della microfinanza e dell’investimento a impatto sociale, banche private, gestori patrimoniali e investitori istituzionali. Le esigenze di investimenti in questo ambito sono colossali: stando alle stime delle Nazioni Unite, il deficit annuo di finanziamento per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile è quantificato in miliardi, solo per i paesi in via di sviluppo. Proprio per questo gli attori del settore privato e di quello finanziario devono assumere la propria parte di responsabilità e proporre soluzioni innovative capaci di rispondere a questi obiettivi.”

Nicolas Pelletier, Investment Manager di Reyl & Cie, sottolinea: “Per esaminare l’impatto sociale di ciascuna società vengono presi in considerazione sei pilastri incentrati sugli SDG. Uno degli aspetti che ci sta più a cuore è l’impatto positivo delle imprese sulle popolazioni più disagiate. Inoltre, ci siamo circondati di una serie di partner strategici così da sfruttare le migliori tecnologie (data mining, open source) per essere in grado di misurare con precisione l’impatto delle società incluse nel nostro strumento d’investimento.”

REYL & Cie SA è membro del GIIN (Global Impact Investing Network), di SFG (Sustainable Finance Geneva) e di SSF (Swiss Sustainable Finance).

Potrebbe interessarti anche:

Spiesshofer abbandona ABB

Il Ceo lascia all'improvviso. Lo sostituirà ad interim l'attuale presidente del Cda, Peter Voser

Abb si ritrova all’improvviso senza amministratore delegato. Ulrich Spiesshofer, infatti,  lascia con effetto immediato il …