• Manca personale qualificato

    Manpower conferma la penuria di manodopera competente lamentata dai datori di lavoro svizzero. Urgono misure da parte delle aziende

    Un flagello che da anni affligge il mercato del lavoro svizzero è la penuria di personale qualificat…

  • I farmaci arrestano il commercio estero

    A luglio importazioni ed esportazioni hanno subito un calo a causa della battuta d'arresto del settore pharma

    Per il commercio estero, luglio è stato un mese di forte rallentamento. In termini destagionalizzati…

  • Andrea Erba in MoneyPark

    Erba inizia la nuova attività come esperto ipotecario nella filiale MoneyPark di via Lucchini a Lugano

    MoneyPark, società d’intermediari ipotecari indipendenti in Svizzera, ha recentemente aperto una fil…

  • MoneyPark: nuovi direttori a Zurigo e Basilea

    Thomas Dörflinger sarà respnsabile per Basilea, Leo Spichiger per Zurigo

    MoneyPark, la società di intermediari ipotecari indipendenti, nomina Leo Spichiger nuovo direttore r…

Richemont, Swatch e Rolex nella top 100 del lusso mondiale

Sono dieci, secondo la classifica di Deloitte, le aziende svizzere nella top 100 dei brand di lusso. Tre fra le prime dodici

Sono ben dieci le aziende svizzere presenti nella top 100 mondiale dei brand di lusso, la“Global Powers of Luxury Goods” pubblicata da Deloitte. Ben tre si piazzano addirittura tra le prime dodici. Secondo i dati della società di revisione, queste 100 imprese hanno generato cifre d’affari globali per 217 miliardi …

Maggiori dettagli

Swiss Re riconsidera il business in Iran?

A causa delle sanzioni di Trump, molte aziende starebbero pensando di mollare il loro business nel Paese mediorientale

Le società di tutta Europa stanno riconsiderando le loro possibilità dopo l’amministrazione Trump ha deciso di girare le spalle all’accordo con l’Iran. Swiss RE sarebbe una di quelle aziende in cui regna l’incertezza. Secondo la testata giornalistica iraniana “Mehr” il gruppo assicurativo con sede a Zurigo sarebbe stato in procinto …

Maggiori dettagli

Schroders acquisisce Algoquin

La società svizzera acquista il gruppo specializzato in investimenti in hotel con asset da 1,8 miliardi di euro

Schroders annuncia di aver raggiunto un accordo per l’acquisizione di Algoquin, specializzato in investimenti nel settore alberghiero paneuropeo e gestione di business con asset under management pari a 1,8 miliardi. Come specificato in un comunicato stampa, ciò significa che Schroders acquisisce diversi investimenti così come diversi clienti di Algoquin. L’acquisizione, …

Maggiori dettagli

Ubs spinge sulla banca d’investimento

Secondo Bloomberg i ricavi della banca d’investimento dovrebbero progredire di diverse centinaia di migliaia di franchi all’anno nel corso dei prossimi tre o quattro anni

Nei prossimi anni, Ubs vuole rinforzare le sue attività di banca d’investimento. Secondo quanto divulgato da Bloomberg, tutti gli affari legati a fusioni, acquisizioni e alle introduzioni in Borsa, dovrebbero essere consolidate ed estese. Questo dovrebbe permettere di compensare le vendite alle quali il settore bancario deve dare faccia nelle …

Maggiori dettagli

Un e-franco? Troppo rischioso

Per la Bns l'introduzione di una valuta virtuale comporterebbe solo rischi, ma il Parlamento vuole fare un'analisi approfondita

La Banca nazionale svizzera si è opposta all’introduzione di un franco virtuale, mentre il governo ha acconsentito a esaminare la proposta più da vicino. Secondo quanto riportato da Reuters, un membro del Parlamento avrebbe messo sul tavolo una mozione per valutare vantaggi e rischi di una valuta virtuale. In un …

Maggiori dettagli

Bastos de Morais sospettato di riciclaggio

Il finanziere svizzero-angolano sarebbe coinvolto in un'inchiesta del Ministero pubblico della confederazione. Perquisiti i suoi uffici

Il ministero pubblico della Confederazione starebbe cercando prove per incriminare il finanziere svizzero-angolano, Jean-Claude Bastos de Morais, già sotto i riflettori perché comparso nei famosi “Paradise Papers”, che potrebbe essere implicato in un giro di riciclaggio di denaro. Per questo avrebbero perquisito i suoi uffici. Il mese scorso, le autorità …

Maggiori dettagli

La Bns teme la moneta intera

Se l'iniziativa passasse, il margine di manovra della Bns sarebbe limitato

L’iniziativa moneta piena complicherebbe molto la politica monetaria della Banca nazionale e nuocerebbe all’economia svizzera. Questa è l’idea del presidente dell’istituto d’emissione, Thomas Jordan, esposta in occasione di un incontro a Zurigo organizzato dallo Swiss Finance Institute. Secondo i suoi promulgatori, l’iniziativa ha lo scopo di rendere il sistema finanziario …

Maggiori dettagli