• L’inflazione ristringe i salari

    Nel 2018 i salari nominali sono cresciuti in media dello 0,5% rispetto al 2017, aumento che conferma la tendenza alla moderazione salariale osservata dal 2010, con dei tassi annui che non hanno superato il +1,0%. Le decisioni relative agli adeguamenti salariali per il 2018 sono state prese alla fine del 2017, quando l’inflazione per l’anno seguente era stimata al +0,2%, mentre si è poi attestata al +0,9%. Il potere d’acquisto dei salari, risultato dell’aggiustamento dei salari nominali all’inflazione, ha quindi registrato per il secondo anno consecutivo un calo, pari allo 0,4%. L’aumento dei salari effettivi (nominali) negoziato a titolo collettivo per il 2018 nell’ambito dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL), cui è assoggettato quasi mezzo milione di dipendenti, è stato dello 0,3%. I salari nominali sono aumentati in media del 0,3% nel settore industriale, attestandosi pertanto al di sotto del tasso globale del +0,5% dell’insieme dell’economia svizzera. Le crescite più marcate sono state registrate nel ramo delle industrie chimica, farmaceutica, della cokefazione e della raffinazione (+1,7%) e nel ramo delle industrie della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche e di altri prodotti minerali non metalliferi (+1,1%). Il calo più importante dei salari nominali è invece stato registrato nell’industria del legno, della carta e della stampa (–0,4%), nonché nell’industria che fabbrica prodotti informatici, di elettronica, ottica, orologeria e apparecchiature elettriche (–0,3%). Il settore terziario ha segnato un aumento degli stipendi dello 0,5% e le evoluzioni più marcate dei salari nominali sono state osservate nei rami dei servizi finanziari, delle attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attività assicurative (+1,5%), seguiti da quelli dell’editoria, degli audiovisivi, delle attività radiotelevisive e delle telecomunicazioni (+1,4%) e da quello delle attività informatiche e altri servizi informativi (+1,4%). In questo settore quattro rami hanno riscontrato un calo dei salari nominali, tra cui quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche (–0,1%) e quello dei servizi postali e attività di corriere (–0,1%). Negli ultimi cinque anni il ritmo annuo medio della progressione dei salari reali è stato, per l’insieme dei salariati, dello 0,6% (+0,5% per gli uomini e +0,7% per le donne). In questo lasso di tempo l’evoluzione media dei salari reali del settore secondario è stata pari a +0,5% all’anno. Ad aver maggiormente influenzato l’andamento al rialzo dei salari reali durante questi cinque anni sono stati l’industria chimica e farmaceutica (+1,1%) e il settore della fabbricazione di prodotti informatici, elettronici, elettrici, ottici e dell’orologeria (+0,8%). Gli altri rami industriali hanno presentato tassi di crescita annui medi compresi tra +0,2% e +0,7%. Nello stesso lasso di tempo il settore terziario ha registrato un incremento annuo medio dei salari reali dello 0,6%. Le evoluzioni più marcate dei salari reali sono state osservate nel ramo dei servizi finanziari e delle attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attività assicurative (+1,1%) e nel ramo delle attività di editoria, audiovisive, radiotelevisive e delle telecomunicazioni (+0,9%). Gli aumenti reali medi più contenuti sono stati per contro registrati nel ramo del trasporto e magazzinaggio (+0,1%) e in quello delle attività amministrative e di servizi di supporto (+0,3%).

    Nel 2018 i salari nominali sono cresciuti in media dello 0,5% rispetto al 2017, aumento che conferma…

  • Credit Suisse meglio del previsto

    Il primo trimestre è stato molto proficuo per il gruppo con un utile netto in rialzo dell'8% a 749 milioni di franchi

    Credit Suisse ha segnato un primo trimestre al di là di ogni aspettativa. Nel periodo in rassegna, i…

  • Stefania Oldrati responsabile External Asset Management per il Ticino

    Sostituirà Adalberto Donati ed entra a far parte anche del Regional Maangement Team

    Dal 1. maggio 2019 Stefania Oldrati assumerà in Credit Suisse la funzione di responsabile del settor…

  • Yve Stein nuovo Ceo di EdR Europe

    Con la sua esperienza trentennale nel private banking sostituirà Bernard Coucke dal 1° maggio

    Yves Stein è stato nominato Ceo di Edmond de Rothschild Europe. A partire dal 1° maggio prenderà il …

Julius Baer applica i tassi negativi ad alcuni clienti

L'istituto dice di non poter più sopportare questa misura per tutta la clientela e la ripercuote sui conti con oltre 500'000 franchi in deposito

Julius Baer ripercuote i costi dei tassi negativi su alcuni dei suoi clienti. Secondo quanto riportato dal blog finanziario Inside Paradepaltz, l’istituto non vorrebbe più sopportare questo fardello per tutta la sua clientela. Dal canto suo la banca ricorda che questa pratica non sarebbe nuova e che l’avrebbe già applicata …

Maggiori dettagli

La BCGE lancia un bond con Ubs

La Banca cantonale di Ginevra emana un bond da 120 milioni di franchi insieme alle omologhe di Basilea e Zurigo e Ubs

La Banca Cantonale di Ginevra (BCGE), in partnership con la le Banche Cantonali di Basilea (BKB) e di Zurigo (ZKB) hanno lanciato, insieme a Ubs, un nuovo bond sul mercato svizzero. Il bond da 120 milioni di franchi giunge con una cedola fissa di 0,125% a scadenza il 23 aprile …

Maggiori dettagli

I partner di La Roche lasciano Vontobel

Si tratta di Philipp Baumann, Mathis Buettiker e i fratelli Christoph e Urs Gloor che avrebbero deciso di lasciare per una questione di bunus

Gli ex partner della banca privata La Roche hanno deciso di abbandonare Vontobel. Secondo quanto rivela finews.com, i quattro uomini d’affari lascerebbero l’istituto per ragioni legate ai bonus. Questo esodo sembrerebbe improvviso, ma in realtà sarebbe stato calcolato: lunedì scorso, infatti, Vontobel ha pagato i premi per il 2018 e …

Maggiori dettagli

Falcon sempre in vendita

Il fondo sovrano di Abu Dhabi riprova a vendere la banca privata. Tra le interessate spunta il nome di UniCredit

Mubadala ci riprova e si rimette in pista per vendere Falcon Private Bank. Il fondo sovrano di Abu Dhabi, che detiene l’istituto elvetico, è intenzionato già dall’anno scorso a cedere il gestore patrimoniale svizzero e i pretendenti non mancherebbero. Molti fra i gruppi bancari rossocrociati starebbero valutando di accaparrarsi le …

Maggiori dettagli

Ubs: con la blockchain si risparima

Il gruppo elvetico cerca di ridurre i costi impiegando la nuova tecnologia

Ubs cerca di ridurre i costi votandosi alla blockchain. A questo proposito le operazioni internazionali di negozio si prestano bene all’impiego di queste tecnologie. “I campi di applicazione della blockchain si rivelano sempre interessante dove si lavora con i dati e con la burocrazia dove spesso si perde un sacco …

Maggiori dettagli

Truffa in Pictet

Un impiegato della banca avrebbe sottratto fondi all'istituto per un anno

Un impiegato di Pictet è sospettato di essersi indebitamente appropriato di alcuni fondi della banca privata ginevrina. Secondo quanto riporta il sito di notizie finanziarie finews.com, il presunto truffatore lavorava per l’istituto da oltre vent’anni e ora sarebbe indagato per aver sottratto milioni per almeno un anno. La banca avrebbe …

Maggiori dettagli

Avaloq: grande espansione nel 2018

Tra i nuovi clienti acquisiti l'anno scorso ci sono Intesa Sanpaolo, Smith & Williamson e la cinese Industrial Bank Co

Avaloq, società leader nel settore fintech e fornitore internazionale di soluzioni Software as a service (SaaS) e Business process as a service (BPaaS) a banche e gestori patrimoniali, ha generato un ricavo annuale di 579 milioni di franchi e una crescita del 6%. L’EBITDA rettificato per il 2018 è di …

Maggiori dettagli