• Credit Suisse incrementa il target di Eni

    La banca svizzera incrementa il target da 15,25 a 15,50 euro di Eni e conferma il giudizio neutrale.

    Eni, la multinazionale creata dallo Stato Italiano, attiva nei settori del petrolio, del gas natural…

  • Riacquisizioni Swiss Re sotto l’ombra della Softbank

    Swiss Re ha completato il programma di riacquisto d'azioni avviato l'anno scorso dopo che la banca nipponica ha dichiarato di essere fortemente interessata a rilevare una quota importante della compagnia.

    Da quanto si apprende da un comunicato stampa divulgato ieri, la società di riassicurazione elvetica…

  • L’ex AD di Notenstein La Roche passa a UBP

    L'ex amministratore delegato quattro mesi dopo aver lasciato in difficoltà la banca privata, è riemerso con un nuovo lavoro in una banca rivale.

    Ieri l’Union Bancaire Privée (UBP) ha annunciato di aver assunto l’ex Ad di Notenstein La Roche, Adr…

  • Il gruppo Reyl nomina Ante Razmilovic capo del nuovo dipartimento di finanza strutturata

    Razmilovic porta con sé ben 25 anni di esperienza maturata nel settore della finanza strutturata e garantita grazie a incarichi in Goldman Sachs e Credit Suisse.

    Attualmente operativo presso la sede londinese di REYL, Razmilovic porta con sé ben 25 anni di esper…

Ripresa a rilento

La ripresa economica ci sarà, ma si verificherà molto lentamente. Il barometro del Kof, del centro di ricerca congiunturale del Politecnico di Zurigo, è cresciuto in gennaio con una progressione – rispetto a dicembre – di 0,04 punti a 1,77 unità. Da settembre a ottobre, invece, l’aumento era stato di …

Maggiori dettagli

Crollo congiunturale per le imprese svizzere

Nel periodo tra il vecchio e il nuovo anno l’andamento degli affari delle aziende svizzere si è drasticamente deteriorato. Nell’ultimo sondaggio UBS la maggior parte degli indicatori relativi al quarto trimestre 2008 è scivolata in territorio negativo e le aspettative per il primo trimestre 2009 appaiono ancora più fosche. Nel …

Maggiori dettagli

Indicatore UBS dei consumi in lieve ripresa

L’indicatore dei consumi UBS in dicembre ha potuto registrare un arresto della tendenza al ribasso degli ultimi mesi. Tuttavia, con un valore di 1,15, si attesta ben al di sotto della sua media di lungo periodo. Le prospettive per i consumi privati in Svizzera continuano, così, a farsi sempre più …

Maggiori dettagli

L?indicatore UBS dei consumi in calo a gennaio

In gennaio, l’indicatore UBS dei consumi ha ripreso la tendenza al ribasso degli ultimi mesi. Collocandosi ad un livello di 0,99 l’indicatore mostra certo ancora una crescita dei consumi privati, ma si attesta per la quarta volta consecutiva al di sotto della sua media pluriennale. Le prospettive per i consumi …

Maggiori dettagli

Economic survey by Credit Suisse in cooperation with the Centre for European Economic Research (ZEW)

The Financial Market Test Switzerland, carried out by Credit Suisse in cooperation with the Centre for European Economic Research (ZEW), revealed that the economic outlook improved somewhat on a six-month horizon. Consequently, the Credit Suisse ZEW indicator of economic expectations edged up by 9.5 points to the -66.7 mark in …

Maggiori dettagli

La rapidissima caduta dei tassi d?interesse ipotecari

Da molto tempo il finanziamento per la proprietà immobiliare non era più stato così conveniente come ora. Nel quarto trimestre del 2008 i tassi d’interesse ipotecari sono crollati in modo drammatico. I proprietari immobiliari, grazie al conveniente livello degli interessi, sono di nuovo interessati in modo crescente alle ipoteche a …

Maggiori dettagli

Settori dell’economia svizzera: le diverse prospettive del rallentamento congiunturale

Il 2009 sarà un periodo di grandi incertezze per le imprese svizzere. Se per il 2008 gli economisti del Credit Suisse avevano previsto un sostanziale calo del fatturato solo per due settori, per quest’anno si attendono una chiara contrazione in dieci settori, prevalentemente industriali. Ad eccezione del settore sanitario, che …

Maggiori dettagli

Listino prezzi diamanti all'ingrosso
(Rapaport -25%)

Colore Purezza Carati 0,50 Carati 0,75 Carati 1,00 Carati 1,50
River D IF €   2.825,00 €   4.970,00 €  14.438,00 €  29.295,00
River E IF €   2.197,00 €   3.976,00 €  10.951,00 €  21.762,00
Top Wesselton F IF €   1.848,00 €   3.505,00 €   9.277,00 €  19.042,00
Top Wesselton G IF €   1.709,00 €   3.243,00 €   7.672,00 €  15.171,00
Wesselton H IF €   1.569,00 €   2.982,00 €   6.208,00 €  12.136,00
Tutti i nostri diamanti sono certificati da primari Istituti riconosciuti internazionalmente (H.R.D., G.I.A., I.G.I.) e sono "Diamanti Etici" cioè importati esclusivamente con certificato di origine secondo le 4 risoluzioni ONU che ne garantiscono, in primis, la provenienza totalmente legittima. Rispettano infine il "Best Diamond Trade Practice" contro lo sfruttamento del lavoro minorile.
Siamo membri della più antica Borsa Diamanti di Anversa e possiamo reperire qualsiasi diamante, di qualsiasi purezza, colore e caratura, a prezzi concorrenziali.


Listino prezzi oro

Tipo Peso Prezzo
lingotto oro 999,9 mint 10 gr spot + 3,00%,
20 gr spot + 2,00%,
50 gr spot + 1,50%,
100 gr spot + 1,20%,
lingotto oro 999,9 cast 250 gr spot + 1,00%,
500 gr spot + 0,80%,
1 Kg spot + 0,50%,
Tutti i lingotti sono prodotti e marchiati da primaria Fonderia (Argor-Heraeus) con inscritto il titolo (999,9). Per chi è già nostro cliente, possibilità di comprare oro fisico a prezzo spot (senza ricarico).


Per maggiori informazioni visita il nostro sito internet www.esinv.ch oppure chiamaci
Logo IDB

Via G.B. Pioda 8, CH-6900 Lugano
Per informazioni: tel. +41 91 921 13 80 oppure www.esinv.ch