• Manca personale qualificato

    Manpower conferma la penuria di manodopera competente lamentata dai datori di lavoro svizzero. Urgono misure da parte delle aziende

    Un flagello che da anni affligge il mercato del lavoro svizzero è la penuria di personale qualificat…

  • I farmaci arrestano il commercio estero

    A luglio importazioni ed esportazioni hanno subito un calo a causa della battuta d'arresto del settore pharma

    Per il commercio estero, luglio è stato un mese di forte rallentamento. In termini destagionalizzati…

  • Andrea Erba in MoneyPark

    Erba inizia la nuova attività come esperto ipotecario nella filiale MoneyPark di via Lucchini a Lugano

    MoneyPark, società d’intermediari ipotecari indipendenti in Svizzera, ha recentemente aperto una fil…

  • MoneyPark: nuovi direttori a Zurigo e Basilea

    Thomas Dörflinger sarà respnsabile per Basilea, Leo Spichiger per Zurigo

    MoneyPark, la società di intermediari ipotecari indipendenti, nomina Leo Spichiger nuovo direttore r…

Le cinesi cavalcano la classifica di The Banker

Istituti europei deboli per Core Tier 1, svizzere comprese. HSBC decima globalmente e prima fra le europee. Credit Suisse e Ubs molto indietro

Nella classifica delle cento migliori banche per core capital ratio (Core Tier 1) stilata da “The Banker” le svizzere non svettano tra le migliori. Anzi, si può dire si piazzino abbastanza indietro. Il magazine finanziario parla di una rinascita del settore dopo un decennio nero e, alcuni istituti, sono tornati …

Maggiori dettagli

EFG International: arrivano nuovi capitali

Utile netto relativo agli azionisti in calo, ma in netto rialzo quello sottostante. L'importante è l'afflusso di denaro fresco dopo l'emorragia causata da Bsi

EFG naviga in acque serene. Nei primi sei mesi dell’anno l’istituto zurighese, che ha assorbito totalmente BSI, ha realizzato un utile netto attribuibile agli azionisti di 46,6 milioni di franchi, contro i 63,6 milioni dell’anno precedente. L’utile netto sottostante, invece, è stato pari a 129,2 milioni, contro i 99 milioni …

Maggiori dettagli

Piccoli gestori patrimoniali svizzeri super ottimisti

Semestre da record per le boutique di wealth management. I clienti sembrano preferire le piccole realtà alle grandi banche per far gestire le loro fortune

Quest’anno le piccole boutique di gestione patrimoniale hanno fatto il botto e, in effetti, secondo alcuni sondaggi sembrerebbe che i clienti le preferiscano alle grandi banche. Il primo semestre, dunque, si è rivelato molto soddisfacente per  i gestori patrimoniali indipendenti svizzeri. Secondo una statistica di Aquila svolta su 140 professionisti …

Maggiori dettagli

Con 850 milioni Ubs chiude il caso Trustee

L'istituto trova un accordo con le autorità americane per chiudere il contenzioso sui titoli tossici RMBS

Ubs  è giunta d un accordo con gli Usa per archiviare il caso Trustee”, contenzioso legato ai crediti ipotecari tossici RMBS. Come esplicitato nel comunicato stampa contente i risultati trimestrali, nel mese di luglio il gruppo ha trovato il giusto compromesso con le autorità americane. Nello specifico, per chiudere la …

Maggiori dettagli

Ubs: secondo trimestre oltre le attese

L’utile netto è cresciuto del 9,4% a 1,28 miliardi sul 2017 e quello ante imposte del 12% a 1,68 miliardi

Nel secondo trimestre Ubs ha sfoggiato solide performance con un forte rialzo di utili e ricavi. L’utile netto è cresciuto del 9,4% a 1,28 miliardi rispetto allo stesso periodo del 2017, mentre quello ante imposte è progredito del 12% a 1,68 miliardi. L’utile operativo è accresciuto del 3,9% a 7,55 …

Maggiori dettagli

Cosa resta di Marchionne?

Quattordici anni di mandato, una strada segnata, zero debiti e un tesoro di capitali, titoli e stock option agli eredi

Horror vacui direbbero i latini, ovvero paura del vuoto. Questo è il sentimento che invade le Borse al pensiero di un dopo Marchionne. Proprio come accadde con Apple alla scomparsa di Steve Jobs, al momento riuscire a immaginare il destino di FCA senza il suo leader dal pullover blu mette …

Maggiori dettagli

Ceo svizzeri con stipendi mediocri rispetto a Wall Street

Rispetto ai banchieri americani Sergio Ermotti e Tidjane Thiam hanno guadagni più modesti

Comparati a quelli di Wall Strett, i salari dei top manager svizzeri non appaiono così stratosferici. Altro che iniziativa Minder, i bancari americani puntano davvero alle stelle. Partiamo con Jamie Dimon, il nuovo Ceo di JP Morgan: secondo il portale Marketwatch, l’amministratore delegato del colosso americano nel 2017 ha portato …

Maggiori dettagli