• L’inflazione ristringe i salari

    Nel 2018 i salari nominali sono cresciuti in media dello 0,5% rispetto al 2017, aumento che conferma la tendenza alla moderazione salariale osservata dal 2010, con dei tassi annui che non hanno superato il +1,0%. Le decisioni relative agli adeguamenti salariali per il 2018 sono state prese alla fine del 2017, quando l’inflazione per l’anno seguente era stimata al +0,2%, mentre si è poi attestata al +0,9%. Il potere d’acquisto dei salari, risultato dell’aggiustamento dei salari nominali all’inflazione, ha quindi registrato per il secondo anno consecutivo un calo, pari allo 0,4%. L’aumento dei salari effettivi (nominali) negoziato a titolo collettivo per il 2018 nell’ambito dei principali contratti collettivi di lavoro (CCL), cui è assoggettato quasi mezzo milione di dipendenti, è stato dello 0,3%. I salari nominali sono aumentati in media del 0,3% nel settore industriale, attestandosi pertanto al di sotto del tasso globale del +0,5% dell’insieme dell’economia svizzera. Le crescite più marcate sono state registrate nel ramo delle industrie chimica, farmaceutica, della cokefazione e della raffinazione (+1,7%) e nel ramo delle industrie della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche e di altri prodotti minerali non metalliferi (+1,1%). Il calo più importante dei salari nominali è invece stato registrato nell’industria del legno, della carta e della stampa (–0,4%), nonché nell’industria che fabbrica prodotti informatici, di elettronica, ottica, orologeria e apparecchiature elettriche (–0,3%). Il settore terziario ha segnato un aumento degli stipendi dello 0,5% e le evoluzioni più marcate dei salari nominali sono state osservate nei rami dei servizi finanziari, delle attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attività assicurative (+1,5%), seguiti da quelli dell’editoria, degli audiovisivi, delle attività radiotelevisive e delle telecomunicazioni (+1,4%) e da quello delle attività informatiche e altri servizi informativi (+1,4%). In questo settore quattro rami hanno riscontrato un calo dei salari nominali, tra cui quello delle attività professionali, scientifiche e tecniche (–0,1%) e quello dei servizi postali e attività di corriere (–0,1%). Negli ultimi cinque anni il ritmo annuo medio della progressione dei salari reali è stato, per l’insieme dei salariati, dello 0,6% (+0,5% per gli uomini e +0,7% per le donne). In questo lasso di tempo l’evoluzione media dei salari reali del settore secondario è stata pari a +0,5% all’anno. Ad aver maggiormente influenzato l’andamento al rialzo dei salari reali durante questi cinque anni sono stati l’industria chimica e farmaceutica (+1,1%) e il settore della fabbricazione di prodotti informatici, elettronici, elettrici, ottici e dell’orologeria (+0,8%). Gli altri rami industriali hanno presentato tassi di crescita annui medi compresi tra +0,2% e +0,7%. Nello stesso lasso di tempo il settore terziario ha registrato un incremento annuo medio dei salari reali dello 0,6%. Le evoluzioni più marcate dei salari reali sono state osservate nel ramo dei servizi finanziari e delle attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attività assicurative (+1,1%) e nel ramo delle attività di editoria, audiovisive, radiotelevisive e delle telecomunicazioni (+0,9%). Gli aumenti reali medi più contenuti sono stati per contro registrati nel ramo del trasporto e magazzinaggio (+0,1%) e in quello delle attività amministrative e di servizi di supporto (+0,3%).

    Nel 2018 i salari nominali sono cresciuti in media dello 0,5% rispetto al 2017, aumento che conferma…

  • Credit Suisse meglio del previsto

    Il primo trimestre è stato molto proficuo per il gruppo con un utile netto in rialzo dell'8% a 749 milioni di franchi

    Credit Suisse ha segnato un primo trimestre al di là di ogni aspettativa. Nel periodo in rassegna, i…

  • Stefania Oldrati responsabile External Asset Management per il Ticino

    Sostituirà Adalberto Donati ed entra a far parte anche del Regional Maangement Team

    Dal 1. maggio 2019 Stefania Oldrati assumerà in Credit Suisse la funzione di responsabile del settor…

  • Yve Stein nuovo Ceo di EdR Europe

    Con la sua esperienza trentennale nel private banking sostituirà Bernard Coucke dal 1° maggio

    Yves Stein è stato nominato Ceo di Edmond de Rothschild Europe. A partire dal 1° maggio prenderà il …

UBS: segnali incoraggianti?

Secondo il Ceo di UBS, Oswald Grübel, si intravedono i primi segnali di ripresa nel secondo trimestre del 2009. Nonostante i conti relativi al periodo aprile-giugno siano ancora in rosso, le attività operative sono migliorate rispetto ai primi tre mesi. Lo scrive il presidente della direzione di UBS in una …

Maggiori dettagli

Quella banca è una bomba

Secondo gli analisti Matthew Levitt e Michael Jacobson interrompere il flusso di denaro alle organizzazioni eversive è il principale strumento della lotta al terrorismo. A loro giudizio, l’Iran è stato – e continua ad essere – uno dei principali attori a livello globale del terrorismo, come la sua esplicita sponsorizzazione …

Maggiori dettagli

L?indennizzo che viene dal freddo

Ad oggi, i 1.475 clienti avevano ottenuto al massimo 30.000 franchi dall’associazione finanziata dalle banche per proteggere i risparmiatori, mentre sussisteva il rischio che centottantadue clienti con oltre 30.000 franchi rischiavano di perdere complessivamente 7,5 milioni. La FINMA informa che entro il mese prossimo verranno rimborsati tutti i depositi e …

Maggiori dettagli

Crescita durevole per Banca Coop

In un contesto economico particolarmente impegnativo, la Banca Coop è riuscita a in-crementare l’utile semestrale rettificato dei costi della migrazione informatica. Rispetto all’esercizio precedente l’utile semestrale è progredito dell‘1,9% attestandosi a CHF 36,63 milioni. L’ininterrotto aumento del volume ipotecario (+2,4%, ossia + CHF 252,19 milioni rispetto al 31.12.2008) e dei …

Maggiori dettagli

Banca Migros: rassicurante andamento nel primo semestre 2009

La Banca Migros continua a registrare un forte afflusso di fondi. Nei primi sei mesi dell’anno in corso la raccolta ha superato il miliardo di franchi. In un mercato difficile il rendimento d’esercizio è aumentato dell’1.2%. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente l’utile lordo è diminuito del 2.1% a 128 …

Maggiori dettagli

Analisi dei mercati: luglio 2009

Inflazione in leggera ripresa dai record minimi Gestione assets tossici, esposizioni Est-EU, debiti e necessità di finanziamento, crollo entrate Consumi privati, disoccupazione, debiti privati, utili e attività societarie il FOCUS Scudo fiscale Italia, necessità di trasparenza, ristrutturazione, consolidamento bilanci in atto Pacchetti di sostegno eco, azioni di salvataggio in pausa …

Maggiori dettagli

USA vs. UBS: si prevede un accordo extragiudiziale

Ubs, il fisco statunitense e il Consiglio federale hanno chiesto al competente giudice federale di Miami di rinviare di tre settimane l’apertura del processo civile. Il giudice per il momento non ha fornito una risposta anche se pare assai probabile che accoglierà la domanda. La vertenza oppone la banca alle …

Maggiori dettagli