Home / Tag Archives: petrolio

Tag Archives: petrolio

2018 un’annata più cara

Il rincaro del petrolio e degli affitti hanno inciso sull'andamento medio dei prezzi nel 2018

Il 2018 è stato un anno più dispendioso considerando che il rincaro annuo medio sul 2017 è stato pari allo 0,9%. Tale aumento si spiega soprattutto a causa del rialzo dei prezzi dei prodotti petroliferi e degli affitti. Secondo l’Ufficio federale di statistica, nel corso dell’anno passato il valore dei …

Maggiori dettagli

Un anno da dimenticare per gli investitori

Azioni, obbligazioni, oro e petrolio chiuderanno il 2018 tutte in negativo. Per fortuna il dollaro s'è apprezzato

Quest’anno per gli investitori hanno fatto l’en plain rosso. Tutti e quattro i principali settori d’investimento portano, infatti, il segno meno dinanzi a loro: azioni, obbligazioni, oro e petrolio hanno vissuto una pessima annata. Una vera e propria congiunzione astrale, quella di un negativo comune, che raramente si verifica. Dal …

Maggiori dettagli

Petrolio di nuovo a 80 dollari al barile

Le sanzioni all'Iran, le forniture non sufficienti da parte degli altri paesi estrattori e l'uragano Florance minacciano un ulteriore aumento del prezzo del greggio

L’oro nero torna ai massimi sfondando gli 80 dollari al barile. È già la seconda volta che, quest’anno, il petrolio raggiunge tali livelli dopato dalle sanzioni americane contro l’Iran e, proprio in questi giorni, dalla minaccia dell’uragano Florence che dovrebbe avventarsi sugli Stati Uniti proprio nelle zone di estrazione collocate …

Maggiori dettagli

Benzina, quanto mi costi!

Il Blick rileva che nelle ultime sette settimane i prezzi alle stazioni di servizio sono aumentati di 10 centesimi

Il petrolio sta vivendo una nuova fase di rialzo, tanto che il barile ha raggiunto il suo massimo da tre anni a questa parte. Non c’è da stupirsi, quindi, se le cifre delle pompe di benzina svizzere continuano a lievitare. Secondo quanto rilevato dal Blick, nelle ultime sette settimane il …

Maggiori dettagli

Nigeria: le banche svizzere al centro di un nuovo scandalo

Il Ministero pubblico della Confederazione ha bloccato enormi quantità di denaro che alcune compagnie petrolifere avrebbero pagato ai politici per ottenere l'accesso alle ricche risorse nigeriane.

Il settore bancario svizzero potrebbe essere al centro di un altro enorme scandalo per corruzione: Eni, il colosso italiano dell’energia, e Shell avrebbero pagato milioni di dollari in tangenti per corrompere diversi politici nigeriani. Queste somme di denaro sarebbero poi state depositate all’interno di alcuni conti bancari in Svizzera. La …

Maggiori dettagli

UBS: revisione sui grandi gruppi petroliferi

La più grande banca della Svizzera dopo aver ricevuto i risulati delle grandi major del petrolio hanno deciso di rivedere i loro prezzi obiettivo e rating.

Dopo che le varie società attive nel mercato del greggio hanno pubblicato i vari risultati del quarto trimestre del 2017, gli analisti della prima banca elvetica hanno deciso di rivedere i prezzi obiettivo e rating dei maggiori gruppi europei e statunitensi. Royal Dutch Shell A, rating positivo e prezzo obiettivo …

Maggiori dettagli

UBS: margine di raffinazione dei produttori europei stime al rialzo

Secondo gli analisti della più grande banca elvetica è previsto un rialzo delle stime sul margine di raffinazione dei produttori europei.

Gli analisti di UBS hanno fatto alcune modifiche riguardo le stime sul margine di raffinazione dei produttori europei. Gli esperti hanno così confermato un rialzo per il 2019 da 3,9 a 4,9 dollari al barile e da 3,9 a 6,4 nel 2020. Invece per l’anno in corso è stata confermata …

Maggiori dettagli

SYZ AM: ecco come sfruttare i mercati volatili

Secondo l’analisi della società ginevrina, grazie ad alcuni esperti del settore i mercati che sono contraddistinti da forte volatilità potrebbero generare rendimenti superiori del previsto.

I mercati particolarmente volatili sono un’ottima occasione per gli specialisti della selezione dei titoli, che grazie alla loro esperienza riescono a valorizzare gli investimenti in un mercato contraddistinto da una tendenza a variazioni accentuate e imprevedibili (investitori contrarian). La confusione che ha contraddistinto l’inizio di quest’anno potrebbe essere un segnale …

Maggiori dettagli

Credit Suisse incrementa il target di Eni

La banca svizzera incrementa il target da 15,25 a 15,50 euro di Eni e conferma il giudizio neutrale.

Eni, la multinazionale creata dallo Stato Italiano, attiva nei settori del petrolio, del gas naturale, della petrolchimica, della produzione di energia elettrica, dell’ingegneria e costruzioni è ancora sotto i riflettori a Piazza Affari, con gli analisti che passano al setaccio i risultati finanziari presentati venerdì scorso. Infatti ieri gli esperti …

Maggiori dettagli

BNS un 2017 da record

La scorsa settimana alcuni analisti della banca UBS avevano stimato che la BNS avrebbe potuto realizzare un utile di quasi 50 miliardi di franchi e a settembre era già arrivata a 33,7 miliardi.

Ieri la BNS ha comunicato le performance del 2017. La Banca nazionale svizzera dopo aver monitorato i dati provvisori prevede un utile di 54 miliardi di franchi, più del doppio del 2016 Secondo quanto dichiarato oggi in una nota, l’istituto finanziario ha approfittato dell’indebolimento del franco facendo utili sulle posizioni …

Maggiori dettagli