• Julius Baer: Lussemburgo hub del business europeo

    In previsione la realizzazione di un centro servizi europeo dedicato ai clienti facoltosi internazionali

    Julius Baer ha scelto il Lussemburgo come centro dei suoi affari europei. Fino a poco tempo fa, le a…

  • Aziende elvetiche: 230mila impieghi negli Usa

    Mentre le imprese americane in Svizzera offrono solo 31'600 posti di lavoro

    Il governo Trump non ha scalfito le relazioni economiche tra Svizzera e Stati Uniti. Secondo l’annua…

  • Impresa: svizzeri poco coraggiosi

    Secondo l’ultima edizione del Global Entrepreneurship Monitor solo l’8,2% degli elvetici ha creato la propria società negli ultimi tre anni

    Gli svizzeri restano timorosi in fatto di imprenditorialità. Secondo l’ultima edizione del Global En…

  • La cybercriminalità minaccia anche la Svizzera

    Quasi nove società su dieci sono state vittime di attacchi nel corso degli ultimi dodici mesi

    Le imprese elvetiche non vengono risparmiate dalla cybercriminalità. Secondo i risultati di un’inchi…

Banca CIC (Suisse): utile in rialzo dell’11,8%

La filiale svizzera del gruppo francese ha segnato una progressione in tutti i rami ed ha abbassato i costi

Banca CIC vanta un primo semestre molto performante, con un utile netto in aumento dell’11,8% a 13,3 milioni di franchi. La filiale svizzera del gruppo francese ha segnato una progressione in tutti i rami ed ha abbassato, allo stesso tempo, i costi. Anche la redditività si è rinforzata nel periodo …

Maggiori dettagli

C’è inquietudine per il supereuro

Secondo il rendiconto di luglio della Bce, un euro troppo forte potrebbe minare alla competitività della zona euro

Secondo il resoconto dell’ultima riunione di luglio, la Bce avrebbe mostrato inquietudini sul rialzo troppo forte dell’euro. Ciò significa che, a loro volta, i governatori delle varie banche centrali dell’Eurozona hanno espresso preoccupazione su un rischio di sopravvalutazione del tasso di cambio nell’immediato futuro, dato che la moneta unica si …

Maggiori dettagli

Banche private sotto pressione

I fondi sotto gestione aumentano, ma non tutti gli istituti hanno tratto beneficio dal miglioramento congiunturale

Nonostante il consolidamento del settore, i fondi sotto gestione delle banche private svizzere sono aumentati negli ultimi anni. Tuttavia, solo qualche istituto ne avrebbe davvero beneficiato. Il numero di banche private è sceso del 30% in dieci anni, passando da 186 a 130. Tra gli istituti chiusi, 39 sono esteri. …

Maggiori dettagli

Swisscom: utile in ascesa del 6,5%

Calano i ricavi a causa della concorrenza e dei servizi on line. Nel 2018 possibile rialzo del dividendo

Nei primi sei mesi dell’anno, Swisscom  ha segnato un incremento del 6,5% dell’utile netto su base annua a 51 milioni di franchi svizzeri. Anche l’Ebitda ha rilevato un rialzo dell’1,5% a 33 milioni, mentre i ricavi si sono contrati dell’1,4% a 5,69 miliardi a causa della concorrenza e della predominanza …

Maggiori dettagli

Per l’ILO occupazione in rialzo

Il tasso di disoccupazione ILO si attesta al 4,4%

Tra il secondo trimestre 2016 e il secondo trimestre 2017 il numero di occupati in Svizzera è aumentato dell’1,3%. Nello stesso periodo, il tasso di disoccupazione secondo la definizione dell’Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) si è ridotto dal 4,6 al 4,4% in Svizzera ed è sceso dall’8,6 al 7,6% nell’UE. …

Maggiori dettagli

Il Qatar riduce la sua partecipazione in CS

Il fondo sovrano dello Stato arabo riduce la sua partecipazione in Credit Suisse al 15,91%

Il Qatar ha ridotto la sua partecipazione in Credit Suisse. Secondo le informazioni rilasciate dall’operatore della SIX, il fondo sovrano dell’emirato arabo detiene ormai solo il 15,91% delle posizioni d’acquisto, contro il precedente 17,98%. La parte delle azioni nominative è pari al 4,36% dell’intero capitale azionario. All’inizio di maggio, Qatar …

Maggiori dettagli

Niente dati agli Usa

Il Tribunale federale impedisce a una banca di Zurigo di fornire informazioni su un suo quadro

Una banca zurighese non potrà fornire alle autorità americane dati relativi a uno dei suoi quadri. Il Tribunale federale ha rigettato un ricorso della bancadando la priorità all’interesse del collaboratore in questione. Nel dicembre 2015, l’istituto aveva concluso un accordo extragiudiziario con il Ministero americano di Giustizia e per questo …

Maggiori dettagli

Listino prezzi diamanti all'ingrosso
(Rapaport -25%)

Colore Purezza Carati 0,50 Carati 0,75 Carati 1,00 Carati 1,50
River D IF €   2.825,00 €   4.970,00 €  14.438,00 €  29.295,00
River E IF €   2.197,00 €   3.976,00 €  10.951,00 €  21.762,00
Top Wesselton F IF €   1.848,00 €   3.505,00 €   9.277,00 €  19.042,00
Top Wesselton G IF €   1.709,00 €   3.243,00 €   7.672,00 €  15.171,00
Wesselton H IF €   1.569,00 €   2.982,00 €   6.208,00 €  12.136,00
Tutti i nostri diamanti sono certificati da primari Istituti riconosciuti internazionalmente (H.R.D., G.I.A., I.G.I.) e sono "Diamanti Etici" cioè importati esclusivamente con certificato di origine secondo le 4 risoluzioni ONU che ne garantiscono, in primis, la provenienza totalmente legittima. Rispettano infine il "Best Diamond Trade Practice" contro lo sfruttamento del lavoro minorile.
Siamo membri della più antica Borsa Diamanti di Anversa e possiamo reperire qualsiasi diamante, di qualsiasi purezza, colore e caratura, a prezzi concorrenziali.


Listino prezzi oro

Tipo Peso Prezzo
lingotto oro 999,9 mint 10 gr spot + 3,00%,
20 gr spot + 2,00%,
50 gr spot + 1,50%,
100 gr spot + 1,20%,
lingotto oro 999,9 cast 250 gr spot + 1,00%,
500 gr spot + 0,80%,
1 Kg spot + 0,50%,
Tutti i lingotti sono prodotti e marchiati da primaria Fonderia (Argor-Heraeus) con inscritto il titolo (999,9). Per chi è già nostro cliente, possibilità di comprare oro fisico a prezzo spot (senza ricarico).


Per maggiori informazioni visita il nostro sito internet www.esinv.ch oppure chiamaci
Logo IDB

Via G.B. Pioda 8, CH-6900 Lugano
Per informazioni: tel. +41 91 921 13 80 oppure www.esinv.ch